1. Sono inte­ra­men­te assog­get­ta­te ai con­tri­bu­ti pre­vi­den­zia­li di leg­ge, a cari­co del dato­re di lavo­ro e del lavo­ra­to­re, le som­me accan­to­na­te alla Cas­sa Edi­le a tito­lo di retri­bu­zio­ne dif­fe­ri­ta (Ferie e Gra­ti­fi­ca Nata­li­zia), al pari del­le retri­bu­zio­ni di cui all’Art. 12 del­la Leg­ge 30/4/69, nº 153 e suc­ces­si­ve modifiche.
  2. Sono assog­get­ta­te ai con­tri­bu­ti pre­vi­den­zia­li di leg­ge, a cari­co del dato­re di lavo­ro e del lavo­ra­to­re, sol­tan­to nel­la misu­ra del 15% (ai sen­si dell’Art. 9 del­la Leg­ge 1/6/91, nº 106)  le som­me ver­sa­te alla Cas­sa Edi­le per tut­ti gli altri tito­li, che non sia­no retribuzione.
  3. Sono esen­ti da ogni con­tri­bu­to pre­vi­den­zia­le le som­me ver­sa­te alla Cas­sa Edi­le a tito­lo di Quo­te di Ade­sio­ne Con­trat­tua­le (a cari­co dell’Impresa e a cari­co del lavoratore).
  4. E’ detrai­bi­le dal red­di­to pre­vi­den­zia­le il con­tri­bu­to Cas­sa Edi­le a cari­co del Lavo­ra­to­re (0,375% ordi­na­rio e premiale)

Il D.Lgs. 2 set­tem­bre 1997, art. 6, com­ma 6 dispone:

Le som­me ver­sa­te alle cas­se edi­li per ferie, gra­ti­fi­ca nata­li­zia e ripo­si annui sono sog­get­te a con­tri­bu­zio­ne di pre­vi­den­za e assi­sten­za per il loro inte­ro ammon­ta­re. Le som­me a cari­co del dato­re di lavo­ro e del lavo­ra­to­re ver­sa­te alle pre­det­te cas­se ad altro tito­lo sono sog­get­te a con­tri­bu­zio­ne di pre­vi­den­za e assi­sten­za nel­la misu­ra pari al 15 per cen­to del loro ammontare.”