La clas­si­fi­ca­zio­ne dei lavo­ra­to­ri è effet­tua­ta secon­do i seguen­ti livel­li:

Livel­liCate­go­riePara­me­tri
Qua­dri e impie­ga­ti di 1ª super200
Impie­ga­ti di 1ª180
Impie­ga­ti di 2ª150
Impie­ga­ti e ope­rai di 4°140
Impie­ga­ti di 3ª e ope­rai spe­cia­liz­za­ti130
Impie­ga­ti di 4ª e ope­rai qua­li­fi­ca­ti117
Impie­ga­ti di 4ª pri­mo impie­go e ope­rai comu­ni100

La pre­det­ta clas­si­fi­ca­zio­ne deter­mi­na comu­ni livel­li esclu­si­va­men­te per i mini­mi di retri­bu­zio­ne con­trat­tua­le e per­tan­to non inten­de modi­fi­ca­re, tra l’al­tro, l’at­tri­bu­zio­ne ai sin­go­li lavo­ra­to­ri dei trat­ta­men­ti di carat­te­re nor­ma­ti­vo ed eco­no­mi­co che sono pre­vi­sti, rispet­ti­va­men­te per i qua­dri, gli impie­ga­ti e per gli ope­rai, dal­le dispo­si­zio­ni di leg­ge, di accor­di inter­con­fe­de­ra­li e di con­trat­ti ed accor­di col­let­ti­vi nazio­na­li e ter­ri­to­ria­li.

Per­tan­to, fer­mi restan­do i mini­mi di paga base e di sti­pen­dio di cui agli Alle­ga­ti A e B, l’as­se­gna­zio­ne del­le cate­go­rie e l’in­ca­sel­la­men­to del­le qua­li­fi­che ven­go­no fat­te in base ai seguen­ti cri­te­ri:

7° Livello

7° livello — Quadri

In attua­zio­ne di quan­to dispo­sto dal­l’art. 2 del­la leg­ge 13 mag­gio 1985, n. 190, si con­vie­ne che appar­ten­go­no alla cate­go­ria dei qua­dri i lavo­ra­to­ri, tra quel­li inqua­dra­ti nel 7° livel­lo, che oltre a rispon­de­re alle carat­te­ri­sti­che indi­ca­te nel­la rela­ti­va decla­ra­to­ria, svol­go­no con carat­te­re con­ti­nua­ti­vo, ruo­li o fun­zio­ni richie­den­ti un gra­do di capa­ci­tà gestio­na­le, orga­niz­za­ti­va e pro­fes­sio­na­le par­ti­co­lar­men­te ele­va­to, che com­por­ti­no respon­sa­bi­li­tà per atti­vi­tà di alta spe­cia­liz­za­zio­ne, di coor­di­na­men­to e gestio­ne e/o ricer­ca e pro­get­ta­zio­ne in set­to­ri fon­da­men­ta­li del­l’im­pre­sa for­nen­do comun­que con­tri­bu­ti qua­li­fi­ca­ti per la deter­mi­na­zio­ne degli obiet­ti­vi del­l’im­pre­sa stes­sa.

Impiegati di 1ª categoria super

Appar­ten­go­no a que­sto livel­lo gli impie­ga­ti con fun­zio­ni diret­ti­ve che, oltre a pos­se­de­re le carat­te­ri­sti­che indi­ca­te nel­la decla­ra­to­ria del 6° livel­lo, non­ché una spe­ci­fi­ca espe­rien­za pro­fes­sio­na­le, sia­no for­mal­men­te pre­po­sti dal­la Dire­zio­ne azien­da­le a rico­pri­re ruo­li o fun­zio­ni per i qua­li sia­no pre­vi­ste pecu­lia­ri respon­sa­bi­li­tà e dele­ghe, in alcu­ni set­to­ri o uni­tà pro­dut­ti­ve di par­ti­co­la­re rile­van­za tec­ni­ca o ammi­ni­stra­ti­va del­la orga­niz­za­zio­ne azien­da­le, al fine del­lo svi­lup­po e del­la rea­liz­za­zio­ne degli obiet­ti­vi del­l’im­pre­sa.

6° Livello

Impiegati di 1ª categoria

Appar­ten­go­no alla 1ª cate­go­ria gli impie­ga­ti di con­cet­to di ambo i ses­si, sia tec­ni­ci che ammi­ni­stra­ti­vi, con fun­zio­ni diret­ti­ve, che richie­do­no una spe­ci­fi­ca pre­pa­ra­zio­ne e capa­ci­tà pro­fes­sio­na­le, con discre­zio­na­li­tà di pote­ri e con facol­tà di deci­sio­ne ed auto­no­mia di ini­zia­ti­va, nei limi­ti del­le sole diret­ti­ve gene­ra­li impar­ti­te dal tito­la­re e dai diri­gen­ti del­l’im­pre­sa o dagli impie­ga­ti di 1ª cate­go­ria super.

- Coor­di­na­to­re di impian­ti: impie­ga­to di con­cet­to, con le fun­zio­ni ed i requi­si­ti sta­bi­li­ti per gli impie­ga­ti di 6° livel­lo, che, nel­le impre­se pro­dut­tri­ci e distri­bu­tri­ci di cal­ce­struz­zo, sovrain­ten­de e coor­di­na l’at­ti­vi­tà di più cen­tra­li di beto­nag­gio.

- Respon­sa­bi­le del can­tie­re di restau­ro: impie­ga­to di con­cet­to o tec­ni­co che nei lavo­ri di restau­ro ha la respon­sa­bi­li­tà del­la cor­ret­ta con­du­zio­ne del can­tie­re e del­l’e­si­to del­l’in­ter­ven­to, rela­ti­va­men­te alle diret­ti­ve gene­ra­li impar­ti­te dal­la Dire­zio­ne tec­ni­ca, che pos­sie­de com­pe­ten­ze tec­ni­che, dia­gno­sti­che, ese­cu­ti­ve e ammi­ni­stra­ti­ve che gli per­met­to­no di deter­mi­na­re la meto­do­lo­gia tec­ni­ca, scien­ti­fi­ca e ammi­ni­stra­ti­va nel­le diver­se fasi del­l’o­pe­ra, cura la pro­get­ta­zio­ne e il coor­di­na­men­to del­le varie pro­fes­sio­na­li­tà addet­te alla docu­men­ta­zio­ne e stu­dio del­l’o­pe­ra, impo­sta e coor­di­na i lavo­ri e le pro­fes­sio­na­li­tà anche spe­cia­li­sti­che del can­tie­re.
Intrat­tie­ne inol­tre i rap­por­ti con le figu­re isti­tu­zio­na­li del can­tie­re, con la Dire­zio­ne lavo­ri e le Soprin­ten­den­ze per quan­to di com­pe­ten­za.

Archi­tet­to, inge­gne­re, geo­me­tra, restau­ra­to­re con espe­rien­za di gestio­ne del can­tie­re edi­le, e di lavo­ro di restau­ro e manu­ten­zio­ne dei beni mobi­li e del­le super­fi­ci deco­ra­te dei beni archi­tet­to­ni­ci.

Respon­sa­bi­le del recu­pe­ro archeo­lo­gi­co: impie­ga­to di con­cet­to o tec­ni­co che nei lavo­ri di sca­vo archeo­lo­gi­co ha la respon­sa­bi­li­tà del­la cor­ret­ta con­du­zio­ne del can­tie­re e del­l’e­si­to del­l’in­ter­ven­to e pos­sie­de com­pe­ten­ze tec­ni­che, pro­get­tua­li, dia­gno­sti­che, ese­cu­ti­ve e ammi­ni­stra­ti­ve che gli per­met­to­no di deter­mi­na­re la meto­do­lo­gia tec­ni­co-scien­ti­fi­ca. Cura il coor­di­na­men­to del­l’in­ter­ven­to e del­le diver­se pro­fes­sio­na­li­tà addet­te alla docu­men­ta­zio­ne e allo stu­dio del­l’o­pe­ra.

5° livello

Impiegati di 2ª categoria

Appar­ten­go­no alla 2ª cate­go­ria gli impie­ga­ti, sia tec­ni­ci che ammi­ni­stra­ti­vi, che assol­vo­no man­sio­ni di con­cet­to.

Impie­ga­ti tec­ni­ci di 2ª cate­go­ria
Assi­sten­te tec­ni­co: è colui che distri­bui­sce il lavo­ro agli ope­rai, cura l’e­se­cu­zio­ne dei lavo­ri in base a dise­gni e pro­get­ti, pro­ce­de alla misu­ra­zio­ne e liqui­da­zio­ne dei lavo­ri affi­da­ti a cot­ti­mo o subap­pal­to. Ha even­tual­men­te pote­stà di trat­ta­re con i for­ni­to­ri, prov­ve­den­do all’ap­prov­vi­gio­na­men­to dei mate­ria­li. Inol­tre ha facol­tà disci­pli­na­re sul­le mae­stran­ze ed assu­me e licen­zia gli ope­rai, nel­l’am­bi­to del­le diret­ti­ve impar­ti­te dal­l’im­pre­sa.

- Tec­ni­co: che prov­ve­de allo svi­lup­po in fase di mas­si­ma e di det­ta­glio dei pro­get­ti ed allo svi­lup­po dei cal­co­li sta­ti­sti­ci e metri­ci rela­ti­vi.

- Dise­gna­to­re di con­cet­to con respon­sa­bi­li­tà del­la inter­pre­ta­zio­ne del­lo svi­lup­po e del con­trol­lo dei dise­gni.

- Ana­li­sta impie­ga­to che, su indi­ca­zio­ni ed avva­len­do­si anche di solu­zio­ni esi­sten­ti, pro­get­ta meto­di e pro­ce­di­men­ti per il trat­ta­men­to auto­ma­tiz­za­to dei dati su ela­bo­ra­to­re elet­tro­ni­co. Defi­ni­sce e descri­ve le fun­zio­ni logi­che del­le appli­ca­zio­ni, con­cor­da con gli uten­ti i docu­men­ti di input e out­put; defi­ni­sce nei vari aspet­ti archi­vi e flus­si; defi­ni­sce e descri­ve le pro­ce­du­re elet­tro­ni­che.

- Capo impianto/venditore: impie­ga­to che nel­le impre­se pro­dut­tri­ci e distri­bu­tri­ci di cal­ce­struz­zo intrat­tie­ne rap­por­ti con la clien­te­la, coor­di­na l’at­ti­vi­tà del­la cen­tra­le di beto­nag­gio e all’oc­cor­ren­za svol­ge i com­pi­ti indi­ca­ti per l’o­pe­ra­to­re di cen­tra­le, com­pre­sa la dosa­tu­ra e la pesa­tu­ra.

- Ope­ra­to­re di cen­tra­le: impie­ga­to che nel­le impre­se pro­dut­tri­ci e distri­bu­tri­ci di cal­ce­struz­zo atten­de al fun­zio­na­men­to di cen­tra­le di beto­nag­gio com­ple­ta­men­te com­pu­te­riz­za­ta e/o con più pun­ti di cari­co. Svol­ge, inol­tre, i com­pi­ti indi­ca­ti per l’o­pe­ra­to­re di cen­tra­le di 4° livel­lo com­pre­se le ope­ra­zio­ni di dosa­tu­ra e pesa­tu­ra.

- Ope­ra­to­re archeo­lo­gi­co: impie­ga­to che sia in pos­ses­so del­le spe­ci­fi­che com­pe­ten­ze sto­ri­che, archeo­lo­gi­che, gra­fi­che, stra­ti­gra­fi­che, richie­ste dal lavo­ro in un con­te­sto archeo­lo­gi­co; ope­ra in un sin­go­lo set­to­re di sca­vo.

Capo­can­tie­re di edi­li­zia sto­ri­ca: lavo­ra­to­re alta­men­te qua­li­fi­ca­to, ha la gestio­ne ope­ra­ti­va del can­tie­re di restau­ro, orga­niz­za le risor­se uma­ne e i mate­ria­li, ese­gue la con­ta­bi­liz­za­zio­ne dei lavo­ri, si inter­fac­cia con tut­te le figu­re del can­tie­re. Ha cono­scen­ze e com­pe­ten­ze spe­cia­li­sti­che nel­l’in­ter­ven­to sul patri­mo­nio sto­ri­co, matu­ra­te con espe­rien­za pro­fes­sio­na­le plu­rien­na­le sui can­tie­ri di recu­pe­ro e con for­ma­zio­ne spe­cia­li­sti­ca al ruo­lo.

Restau­ra­to­re di beni cul­tu­ra­li: lavo­ra­to­re alta­men­te spe­cia­liz­za­to negli inter­ven­ti di restau­ro di manu­fat­ti e ope­re vin­co­la­te. E’ in pos­ses­so di cono­scen­ze sto­ri­che, gra­fi­che e nor­ma­ti­ve in mate­ria di recu­pe­ro del patri­mo­nio. Ha com­pe­ten­ze sui pro­ces­si di dia­gno­si, sul pro­ces­so di pro­get­ta­zio­ne del­l’in­ter­ven­to di restau­ro, sul moni­to­rag­gio e con­trol­lo di gestio­ne del­lo stes­so. Ha capa­ci­tà di coor­di­na­men­to ese­cu­ti­vo di più indi­vi­dui nel­la gestio­ne del lavo­ro.

Ope­ra­to­re in pos­ses­so dei requi­si­ti mini­mi per il tito­lo di “Restau­ra­to­re di beni cul­tu­ra­li”.

Impie­ga­ti ammi­ni­stra­ti­vi di 2ª cate­go­ria
Impie­ga­to addet­to agli approv­vi­gio­na­men­ti ed acqui­sti ed alle liqui­da­zio­ni dei con­ti dei for­ni­to­ri secon­do le indi­ca­zio­ni di mas­si­ma dei diret­ti supe­rio­ri, e che svol­ge tale lavo­ro con con­ti­nui­tà e con diret­ta respon­sa­bi­li­tà nei limi­ti dei com­pi­ti affi­da­ti­gli.
Impie­ga­to che cura l’ap­pli­ca­zio­ne e l’in­ter­pre­ta­zio­ne del­le dispo­si­zio­ni legi­sla­ti­ve e con­trat­tua­li ine­ren­ti a sti­pen­di e paghe, e prov­ve­de alle pra­ti­che rela­ti­ve pres­so Isti­tu­ti ed Enti di assi­cu­ra­zio­ne, di pre­vi­den­za ed assi­sten­za dei lavo­ra­to­ri, e ciò con diret­ta respon­sa­bi­li­tà, nei limi­ti del­le indi­ca­zio­ni di mas­si­ma dei supe­rio­ri.
— Con­ta­bi­le che impo­sta il libro gior­na­le e ne cura gli svi­lup­pi.

Assi­sten­te di can­tie­re del recu­pe­ro

Impie­ga­to tec­ni­co e ammi­ni­stra­ti­vo che ese­gue ela­bo­ra­ti spe­cia­li­sti­ci, cura l’e­se­cu­zio­ne dei lavo­ri in base a dise­gni a pro­get­ti, pro­ce­de alla misu­ra­zio­ne e con­ta­bi­liz­za­zio­ne tec­ni­co-ammi­ni­stra­ti­va dei lavo­ri affi­da­ti; su dele­ga spe­ci­fi­ca ha auto­no­mia di trat­ta­ti­va con i for­ni­to­ri per gli aspet­ti tec­ni­ci, nel­l’am­bi­to del­le diret­ti­ve impar­ti­te dal­la Dire­zio­ne tec­ni­ca o dal tito­la­re. Ha espe­rien­za plu­rien­na­le di gestio­ne tec­ni­co-ammi­ni­stra­ti­va del can­tie­re di edi­li­zia gene­ra­le, è in pos­ses­so di for­ma­zio­ne spe­ci­fi­ca per l’a­rea recu­pe­ro e con­ser­va­zio­ne.

4° livello

Assistente tecnico (già di 3ª categoria)

E’ colui che, pur svol­gen­do, in linea di mas­si­ma, com­pi­ti ana­lo­ghi a quel­li del­l’as­si­sten­te di 2ª cate­go­ria, com­pie, tut­ta­via la pro­pria ope­ra in can­tie­ri i cui lavo­ri, per la loro carat­te­ri­sti­ca, richie­do­no sol­tan­to gene­ri­ca pre­pa­ra­zio­ne pro­fes­sio­na­le, o si limi­ta a dare ese­cu­zio­ne alle diret­ti­ve gene­ra­li o par­ti­co­la­ri dei supe­rio­ri, oppu­re pre­sta la sua ope­ra alle dipen­den­ze di un assi­sten­te di cate­go­ria supe­rio­re.

Pro­gram­ma­to­re: Impie­ga­to che inter­pre­ta le spe­ci­fi­che di pro­gram­ma e pro­get­ta la con­se­guen­te strut­tu­ra logi­ca del­la fase, tra­sfor­ma la strut­tu­ra logi­ca del­la fase nel­la appro­pria­ta sequen­za di dichia­ra­zio­ni e istru­zio­ni in lin­guag­gio di codi­fi­ca; pre­di­spo­ne e con­trol­la le com­pli­ca­zio­ni e pro­ve neces­sa­rie alla cer­ti­fi­ca­zio­ne del pro­gram­ma.

Addet­to alla gra­fi­ca tec­ni­ca: Impie­ga­to che uti­liz­za in modo auto­no­mo siste­mi di gra­fi­ca inte­rat­ti­va per la ela­bo­ra­zio­ne di sche­mi e stu­di pre­de­ter­mi­na­ti.

Ope­ra­to­re per il recu­pe­ro archi­tet­to­ni­co: Lavo­ra­to­re che, nel­l’am­bi­to di lavo­ri di recu­pe­ro del patri­mo­nio archi­tet­to­ni­co impo­sta ed ese­gue, con com­pro­va­ta spe­ci­fi­ca espe­rien­za, inter­ven­ti di tipo spe­cia­li­sti­co com­por­tan­ti la cono­scen­za del­le pro­ble­ma­ti­che gene­ra­li del restau­ro con­ser­va­ti­vo, del­la dia­gno­sti­ca e del dise­gno. E’ in gra­do di pro­gram­ma­re il lavo­ro e coor­di­na­re pic­co­le squa­dre ope­ra­ti­ve, nel qua­dro del­le diret­ti­ve gene­ra­li impar­ti­te dal­la Dire­zio­ne tec­ni­ca.

Ope­ra­io edi­le con espe­rien­za plu­rien­na­le nel recu­pe­ro e/o in pos­ses­so di diplo­mi spe­cia­li­sti­ci di for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le.

Ope­ra­to­re per il restau­ro di beni cul­tu­ra­li: Lavo­ra­to­re che ese­gue inter­ven­ti spe­cia­li­sti­ci gui­da­ti su manu­fat­ti e ope­re vin­co­la­te. Pos­sie­de cono­scen­ze dei prin­ci­pi di restau­ro, con­ser­va­zio­ne, dei mate­ria­li costi­tu­ti­vi del­le ope­re d’ar­te dei mate­ria­li, ese­gue auto­no­ma­men­te sul­la base del­le spe­ci­fi­che indi­ca­zio­ni meto­do­lo­gi­che for­ni­te, inter­ven­ti di restau­ro e con­ser­va­zio­ne su affre­schi dipin­ti, mate­ria­li lapi­dei e super­fi­ci deco­ra­te di beni archi­tet­to­ni­ci.

Ope­ra­to­re in pos­ses­so dei requi­si­ti mini­mi ai sen­si di leg­ge.

Impie­ga­to ammi­ni­stra­ti­vo: Impie­ga­to che, nel­l’am­bi­to di strut­tu­re orga­niz­za­ti­ve com­ples­se, oltre i com­pi­ti del­l’im­pie­ga­to di 3° livel­lo, ese­gue con auto­no­mia e con l’ap­por­to di par­ti­co­la­re e com­pro­va­ta com­pe­ten­za ope­ra­zio­ni spe­ci­fi­che supe­rio­ri a quel­le del 3° livel­lo e sot­to la super­vi­sio­ne ed il coor­di­na­men­to di impie­ga­ti appar­te­nen­ti al 5° livel­lo.

Lavo­ra­to­re che, auto­no­ma­men­te, nel­l’am­bi­to dei lavo­ri di sca­vo, di ripri­sti­no e con­so­li­da­men­to di ope­re nel­le aree archeo­lo­gi­che o su costru­zio­ni di inte­res­se sto­ri­co-urba­ni­sti­co, ope­ra con com­pro­va­ta spe­ci­fi­ca espe­rien­za ed anche in pos­ses­so di cre­di­ti for­ma­ti­vi acqui­si­ti in enti di for­ma­zio­ne del set­to­re, ese­gue lavo­ri spe­cia­liz­za­ti com­por­tan­ti la cono­scen­za del­le spe­ci­fi­che tec­ni­che di sca­vo, di restau­ro con­ser­va­ti­vo e di affre­schi, di recu­pe­ro e boni­fi­ca di reper­ti mura­ri e strut­tu­ra­li con aggiun­ta di lavo­ri di recu­pe­ro di costru­zio­ni ed edi­fi­ci sot­to­po­sti a
tute­la del­le varie Sovrain­ten­den­ze.

Pro­get­ti­sta cad che sul­la base di indi­ca­zio­ni tec­ni­che ela­bo­ri pro­get­ti uti­liz­zan­do le tec­ni­che di pro­get­ta­zio­ne assi­sti­ta dal cal­co­la­to­re (cad) curan­do­ne i det­ta­gli gra­fi­ci ed ese­cu­ti­vi.

Operai di 4° livello

Appar­ten­go­no a tale cate­go­ria esclu­si­va­men­te gli ope­ra i sot­toin­di­ca­ti:

  • lavo­ra­to­re con cono­scen­za ed espe­rien­za plu­rien­na­li sul­la tec­ni­ca di mura­tu­ra e di car­pen­te­ria, con capa­ci­tà di inter­pre­ta­re il dise­gno e di otti­miz­za­re le fasi di mura­tu­ra e di car­pen­te­ria, che ese­gue con con­ti­nui­tà ed ampia auto­no­mia, lavo­ra­zio­ni di ele­va­ta spe­cia­liz­za­zio­ne sia di mura­tu­ra che di car­pen­te­ria;
  • ope­ra­to­re di cen­tra­le: addet­to, nel­le impre­se pro­dut­tri­ci e distri­bu­tri­ci di cal­ce­struz­zo, al fun­zio­na­men­to del­la cen­tra­le di beto­nag­gio, con l’in­ca­ri­co di con­trol­la­re il rego­la­re afflus­so dei mate­ria­li, di cura­re le ope­ra­zio­ni di dosa­tu­ra in con­for­mi­tà alle istru­zio­ni rice­vu­te, di pia­ni­fi­ca­re la manu­ten­zio­ne pre­ven­ti­va e la nor­ma­le revi­sio­ne del­l’im­pian­to segna­lan­do le even­tua­li ano­ma­lie fun­zio­na­li; è anche pre­po­sto a coor­di­na­re lo smi­sta­men­to del­le con­se­gne, alla com­pi­la­zio­ne dei docu­men­ti di tra­spor­to, al man­te­ni­men­to di con­tat­ti con i clien­ti per l’e­se­cu­zio­ne del­le con­se­gne; addet­to al con­trol­lo quan­ti­ta­ti­vo e qua­li­ta­ti­vo in entra­ta e in usci­ta del­le mate­rie pri­me ed al loro rifor­ni­men­to. Addet­to all’oc­cor­ren­za anche a man­sio­ni di auto­be­to­nie­ri­sta, pom­pi­sta, pali­sta non­ché alla ordi­na­ria manu­ten­zio­ne del­l’im­pian­to;
  • mano­vra­to­re di mac­chi­ne com­ples­se appo­si­ta­men­te attrez­za­te per la per­fo­ra­zio­ne di gal­le­rie in sot­ter­ra­neo;
  • lavo­ra­to­re che con ampia auto­no­mia fun­zio­na­le con­du­ce e mano­vra mac­chi­ne ope­ra­tri­ci semo­ven­ti par­ti­co­lar­men­te com­ples­se, adi­bi­te ai lavo­ri di rige­ne­ra­zio­ne “in situ” dei man­ti auto­stra­da­li e/o aero­por­tua­li, con buo­na cono­scen­za del­la loro tec­no­lo­gia e del loro fun­zio­na­men­to;
  • addet­to al car­ro di varo e/o cen­ti­na auto­va­ran­te, che ese­gue con con­ti­nui­tà man­sio­ni diver­si­fi­ca­te all’in­ter­no del­la squa­dra di varo e di assem­blag­gio, dan­do cor­ret­ta ese­cu­zio­ne alle diret­ti­ve di carat­te­re gene­ra­le for­ni­te dal respon­sa­bi­le di varo, con com­pi­ti anche di con­trol­lo sul­l’in­fi­lag­gio e sul­la tesa­tu­ra dei cavi non­ché sul­la qua­li­tà del­le misce­le di inie­zio­ne;
  • addet­to alla con­fe­zio­ne degli ele­men­ti pre­fab­bri­ca­ti dei via­dot­ti-pon­ti che inter­pre­ta sui dise­gni i trac­cia­ti-cavi, indi­vi­dua le tipo­lo­gie e, seguen­do gli sche­mi, ubi­ca in auto­no­mia all’in­ter­no dei con­ci pre­fab­bri­ca­ti i diver­si vani costi­tuen­ti l’al­log­gia­men­to dei cavi di arma­tu­ra;
  • addet­to con carat­te­re di con­ti­nui­tà al coor­di­na­men­to ed alla pre­pa­ra­zio­ne di muri di soste­gno con la tec­ni­ca del­la “ter­ra arma­ta” (cioè con la posa ad inca­stro di pan­nel­li pre­fab­bri­ca­ti in cemen­to arma­to e di rin­for­zi linea­ri in accia­io zin­ca­to oppor­tu­na­men­te posti in ope­ra nel rile­va­to di riem­pi­men­to pro­ce­den­do per stra­ti suc­ces­si­vi sub­pa­ral­le­li), il qua­le, inter­pre­tan­do i dise­gni, prov­ve­de all’ap­prov­vi­gio­na­men­to dei mate­ria­li, alla cor­ret­ta posa in ope­ra degli ele­men­ti indi­vi­duan­do le prio­ri­tà del­le ope­ra­zio­ni da ese­gui­re sul­la base del­le sole indi­ca­zio­ni ope­ra­ti­ve gene­ra­li for­ni­te dal respon­sa­bi­le del can­tie­re;
  • imbo­sca­to­re di ele­va­ta pro­fes­sio­na­li­tà che ese­gue in auto­no­mia, anche con rife­ri­men­to agli sca­vi mec­ca­niz­za­ti, i neces­sa­ri inter­ven­ti ed a tal fine indi­vi­dua le meto­do­lo­gie più appro­pria­te, prov­ve­de all’ap­prov­vi­gio­na­men­to ed alla pre­pa­ra­zio­ne dei mate­ria­li e del­le attrez­za­tu­re occor­ren­ti e defi­ni­sce le prio­ri­tà del­le ope­ra­zio­ni da ese­gui­re sul­la base del­le sole indi­ca­zio­ni ope­ra­ti­ve di carat­te­re gene­ra­le for­ni­te dal respon­sa­bi­le del can­tie­re;
  • ope­ra­io in can­tie­re archeo­lo­gi­co: lavo­ra­to­re che ese­gue in auto­no­mia lavo­ri di alta spe­cia­liz­za­zio­ne nel­le aree archeo­lo­gi­che sul­la base del­le indi­ca­zio­ni meto­do­lo­gi­che for­ni­te. Con espe­rien­za nel set­to­re e/o spe­ci­fi­ca for­ma­zio­ne.
  • Roc­cia­to­re: ope­ra­io che, avva­len­do­si di siste­mi di acces­so e posi­zio­na­men­to con tec­ni­che alpi­ni­sti­che median­te funi, sca­le ed altri mez­zi ade­gua­ti, ese­gue e orga­niz­za lavo­ri di sua spe­cia­li­tà, diver­si­fi­ca­ti in pie­na auto­no­mia e respon­sa­bi­li­tà ope­ra­ti­va e di pro­ce­du­re.

Rea­liz­za le tipo­lo­gie di lavo­ra­zio­ni indi­ca­te per l’o­pe­ra­io di 3° livel­lo e le ulte­rio­ri seguen­ti:

  • rico­gni­zio­ni con ana­li­si tec­ni­che, strut­tu­ra­li e di sicu­rez­za su pare­ti roc­cio­se, ambien­ti di alta mon­ta­gna, edi­fi­ci e manu­fat­ti;
  • ela­bo­ra rela­zio­ni spe­cia­li­sti­che con auto­no­ma capa­ci­tà di inter­pre­ta­zio­ne del pro­get­to anche in fase ese­cu­ti­va, adat­tan­do il pro­get­to stes­so alle con­di­zio­ni e agli impre­vi­sti riscon­tra­ti in pare­te;
  • leg­ge dise­gni sche­ma­ti­ci di par­ti­co­la­ri ese­cu­ti­vi ine­ren­ti il lavo­ro;
  • coor­di­na i pia­ni di lavo­ro sul­la base degli ele­men­ti tec­ni­co-pro­get­tua­li.

- ripa­ra­to­re mec­ca­ni­co o elet­tri­ci­sta o elet­trau­to addet­to alla gran­de e tota­le revi­sio­ne di tut­te le mac­chi­ne pesan­ti anche nei lavo­ri di arma­men­to fer­ro­via­rio;
- lavo­ra­to­re che, pos­se­den­do ele­va­ta pro­fes­sio­na­li­tà e ade­gua­ta espe­rien­za ope­ra­ti­vo-orga­niz­za­ti­va, con­du­ce gru spe­ri­men­ta­li di gran­di dimen­sio­ni e com­ples­si­tà, esclu­se le gru a tor­re di qual­sia­si tipo, in base ad indi­ca­zio­ni ope­ra­ti­ve gene­ra­li, indi­vi­duan­do le prio­ri­tà del­le ope­ra­zio­ni da ese­gui­re e prov­ve­den­do alla manu­ten­zio­ne non­ché al mon­tag­gio e smon­tag­gio;
tubi­sta che ese­gue su dise­gno la trac­cia­tu­ra, il taglio, l’as­sie­ma­tu­ra, la cur­va­tu­ra di ele­men­ti di tuba­zio­ni su impian­ti indu­stria­li o su linee di oleo­dot­ti, gasdot­ti, acque­dot­ti;
giun­ti­sta sal­da­to­re che ese­gue sal­da­tu­re elet­tri­che in discen­den­te e CO2, di qua­li­tà di 1ª e 2ª pas­sa­ta, di riem­pi­men­to e fini­tu­ra su tuba­zio­ni in accia­io al car­bo­nio;
ope­ra­to­re der­rik o blon­din;
palom­ba­ro di pri­ma che ese­gue rilie­vi, trac­cia­men­ti, mura­tu­re e tagli di ope­re subac­quee;
nostro­mo di pri­ma;
addet­to al coor­di­na­men­to ed alla pre­pa­ra­zio­ne del varo di tra­vi pre­com­pres­se rea­liz­za­te fuo­ri ope­ra o del varo di cas­se­for­mi mobi­li per get­to di tra­vi in sito;
colui che nel­le impre­se di instal­la­zio­ne di linee elet­tri­che e tele­fo­ni­che, oltre a saper esple­ta­re le man­sio­ni del­l’o­pe­ra­io spe­cia­liz­za­to del set­to­re, cono­sce il dise­gno ed ese­gue rilie­vi, cono­sce, appli­ca e fa rispet­ta­re le nor­me antin­for­tu­ni­sti­che, tie­ne i con­tat­ti con l’en­te appal­tan­te ed ese­gue misu­ra­zio­ni e con­ta­bi­li­tà.

3° livello

Impiegati di 3ª categoria

Appar­ten­go­no alla 3ª cate­go­ria gli impie­ga­ti d’or­di­ne, sia tec­ni­ci che ammi­ni­stra­ti­vi, aven­ti man­sio­ni ese­cu­ti­ve che richie­do­no una gene­ri­ca pre­pa­ra­zio­ne pro­fes­sio­na­le.

Impie­ga­ti tec­ni­ci di 3ª cate­go­ria
Addet­to a cal­co­li e com­pu­ti rela­ti­vi alla con­ta­bi­li­tà tec­ni­co-ammi­ni­stra­ti­va dei lavo­ri, in via con­ti­nua­ti­va e con fun­zio­ni ese­cu­ti­ve.

Impie­ga­ti ammi­ni­stra­ti­vi di 3ª cate­go­ria
Impie­ga­to con man­sio­ni pura­men­te ese­cu­ti­ve che cura la com­pi­la­zio­ne del­le paghe e ne effet­tua i ver­sa­men­ti ai lavo­ra­to­ri, prov­ve­den­do ai con­teg­gi ed ai ver­sa­men­ti dei con­tri­bu­ti assi­cu­ra­ti­vi e pre­vi­den­zia­li in ese­cu­zio­ne del­le nor­me spe­ci­fi­che che gli ven­go­no date dai supe­rio­ri.

Ope­ra­to­re: impie­ga­to che prov­ve­de alla pre­pa­ra­zio­ne e all’av­via­men­to del­l’e­la­bo­ra­to­re elet­tro­ni­co, ne cura la gestio­ne ope­ra­ti­va e ne segue e con­trol­la da con­sol­le i vari cicli di lavo­ro assi­cu­ran­do­ne la rego­la­ri­tà con inter­ven­ti di ordi­ne e di ret­ti­fi­ca.

Operai specializzati

Per gli ope­rai spe­cia­liz­za­ti si inten­do­no que­gli ope­rai supe­rio­ri ai qua­li­fi­ca­ti, che sono capa­ci di ese­gui­re lavo­ri par­ti­co­la­ri che neces­si­ta­no di spe­cia­le com­pe­ten­za pra­ti­ca, con­se­guen­te da tiro­ci­nio o da pre­pa­ra­zio­ne tec­ni­co pra­ti­ca.

A tito­lo di esem­pio sono con­si­de­ra­ti ope­rai spe­cia­liz­za­ti:
Car­pen­tie­re: ope­ra­io che ese­gue in legno o in fer­ro, su dise­gno, capria­te o cen­ti­ne com­po­ste o cas­se­for­mi, per arma­tu­re spe­cia­li in ope­re di cemen­to arma­to e di natan­ti.
Mura­to­re: ope­ra­io che ese­gue i seguen­ti lavo­ri: costru­zio­ne di pila­stri, colon­ne, lese­ne, archi in rot­tu­ra, arca­te, mura­tu­ra di mat­to­ni a para­men­to, into­na­ca­tu­re spe­cia­li, mes­sa in ope­ra di pie­tre orna­men­ta­li lavo­ra­te; costru­zio­ne di cor­ni­ci sia in mat­to­ni che in pie­tra; vol­te a cro­cie­ra, a vela, o a for­ma goti­ca; mon­tag­gio e rive­sti­men­to di sca­le in pie­tra, mar­mo o fin­to mar­mo; posa in ope­ra di davan­za­li e sti­pi­ti; posa in ope­ra di rin­ghie­re, can­cel­la­te e para­pet­ti, sia in mura­tu­ra che in fer­ro.
Cami­ni­sta e ope­ra­io mura­to­re per la costru­zio­ne di for­ni indu­stria­li.
Pon­ta­to­re: ope­ra­io che ese­gue anche su dise­gno qual­sia­si tipo com­ple­to di pon­teg­gi e di castel­li di ser­vi­zio in legno o in fer­ro.
Fer­ra­io­lo: ope­ra­io che ese­gue e pone in ope­ra, su dise­gno, qua­lun­que tipo di arma­tu­ra in fer­ro per costru­zio­ni in cemen­to arma­to anche pre­com­pres­so.
Addet­to, nel­le ope­re rea­liz­za­te con siste­mi di pre­fab­bri­ca­zio­ne, al mon­tag­gio e smon­tag­gio, su dise­gno, di stam­pi pre­for­ma­ti o del­le rela­ti­ve par­ti com­po­nen­ti, non­ché alla deter­mi­na­zio­ne, da dise­gno, dei com­po­nen­ti e del­le arma­tu­re metal­li­che da incor­po­ra­re.
Addet­to al mon­tag­gio in ope­ra, in can­tie­re, di ele­men­ti pre­fab­bri­ca­ti, qua­li tra­vi prin­ci­pa­li o secon­da­rie, capria­te, cor­ni­cio­ni, ecc. nel­la costru­zio­ne di fab­bri­ca­ti civi­li e indu­stria­li, pon­ti, via­dot­ti od altre ope­re di edi­li­zia spe­cia­le, indi­vi­duan­do­ne gli incor­po­ri dai dise­gni o pre­scri­zio­ni.
Addet­to alla tesa­tu­ra, con l’u­so di appo­si­te appa­rec­chia­tu­re e secon­do i dati pre­scrit­ti, di fili o cavi di accia­io per l’ar­ma­tu­ra di strut­tu­re in cemen­to arma­to pre­com­pres­so.
Imbo­sca­to­re e arma­to­re: ope­ra­io che ese­gue, su dise­gno, arma­tu­re cen­ti­na­te di gal­le­ria, di poz­zi, di sca­vi, di fogna­tu­re effet­tuan­do­ne la posa in ope­ra.
Mina­to­re: ope­ra­io che ese­gue tut­ti i lavo­ri ine­ren­ti l’im­pie­go del­le mine per sca­vi in roc­cia, com­pre­sa la posi­zio­ne dei fori da mina, e la pre­di­spo­si­zio­ne e sor­ve­glian­za del­l’ar­ma­men­to.
Fochi­no: ope­ra­io muni­to del­l’ap­po­si­ta paten­te, che ha cogni­zio­ne di qual­sia­si esplo­si­vo e che prov­ve­de alla pre­pa­ra­zio­ne e alla posa del­la mina e al suo bril­la­men­to.
Fale­gna­me: ope­ra­io che ese­gue, su dise­gno, qual­sia­si tipo di ser­ra­men­ti e di lavo­ri di riqua­dra­tu­ra, anche con l’im­pie­go del­le mac­chi­ne.
Cemen­ti­sta for­ma­to­re: ope­ra­io che ese­gue ope­re orna­men­ta­li in rilie­vo di qual­sia­si tipo, for­me in ges­so e in cemen­to, su model­lo o dise­gno.
Deco­ra­to­re, ver­ni­cia­to­re, appli­ca­to­re di para­ti spe­cia­li: addet­to all’e­se­cu­zio­ne, su dise­gno, di lavo­ri di pit­tu­ra, orna­ti e riqua­dra­tu­ra a chia­ro scu­ro, mac­chia­tu­ra ad imi­ta­zio­ne legno e mar­mo, dora­tu­ra in fogli, scrit­tu­ra di inse­gne e filet­ta­tu­ra a mano libe­ra, lac­ca­tu­ra di infis­si, mobi­li, ser­ra­men­ti ed acces­so­ri in gene­re; addet­to ad appli­ca­re para­ti spe­cia­li o di lus­so; addet­to all’e­se­cu­zio­ne in cam­po indu­stria­le dei seguen­ti lavo­ri: stuc­ca­tu­ra e levi­ga­tu­ra, con suc­ces­si­va rifi­ni­tu­ra con smal­ti sin­te­ti­ci alla nitro­cel­lu­lo­sa, di mac­chi­ne indu­stria­li e qua­dri­co­man­do, metal­liz­za­zio­ne a cal­do ese­gui­te anche a spruz­zo, trac­cia­tu­ra a mano libe­ra di let­te­re e nume­ri, ecc.
Stuc­ca­to­re, ope­ra­io orna­ti­sta e model­li­sta, riqua­dra­to­re: che ese­gue, su dise­gno, qual­sia­si tipo di orna­ti e model­li, o di lavo­ri in ges­so o altri agglo­me­ra­ti, sia in labo­ra­to­rio che sul posto.
Addet­to ad ope­re di imper­mea­bi­liz­za­zio­ne e iso­la­men­to: che ese­gue alme­no due del­le seguen­ti lavo­ra­zio­ni ine­ren­ti alle ope­re di imper­mea­bi­liz­za­zio­ne e coi­ben­ta­zio­ne per costru­zio­ni civi­li o indu­stria­li, di qual­sia­si dif­fi­col­tà:

  • man­ti imper­mea­bi­li in asfal­to cola­to o mal­ta asfal­ti­ca per coper­tu­re;
  • man­ti imper­mea­bi­li bitu­mi­no­si a stra­ti mul­ti­pli a cal­do o a fred­do e con solo masti­ce a caz­zuo­la oppu­re in mem­bra­ne bitu­mi­no­se appli­ca­te a fiam­ma;
  • man­ti imper­mea­bi­li in mem­bra­ne sin­te­ti­che, incol­la­te ad aria cal­da, sol­ven­ti, ecc., com­pre­se le rela­ti­ve ope­re di fis­sag­gio ed anco­rag­gio mec­ca­ni­co;
  • ese­cu­zio­ne di cap­pe cemen­ti­zie a pro­te­zio­ne di man­ti imper­mea­bi­li, per for­ma­zio­ne del­le pen­den­ze, per ripar­ti­zio­ne su stra­ti iso­lan­ti;
  • posa in ope­ra di stra­ti ter­moi­so­lan­ti e coi­ben­ta­zio­ne di strut­tu­re o cel­le fri­go­ri­fe­re, non­ché sof­fit­ta­tu­re con pan­nel­li iso­lan­ti.
    Deve esse­re inol­tre in gra­do di redi­ge­re docu­men­ti inter­ni di can­tie­re, pren­de­re misu­re su super­fi­ci a base di ret­tan­go­li e trian­go­li, leg­ge­re dise­gni sche­ma­ti­ci di par­ti­co­la­ri ese­cu­ti­vi ine­ren­ti al suo lavo­ro, pre­di­spor­re il lavo­ro alle cate­go­rie di lavo­ra­to­ri con qua­li­fi­ca infe­rio­re. E’ pure addet­to alla ese­cu­zio­ne di giun­ti e sigil­la­tu­re con masti­ci, all’ap­pli­ca­zio­ne di ver­ni­ci (riflet­ten­ti o colo­ra­te) sui man­ti imper­mea­bi­li, alla gra­ni­glia­tu­ra e sab­bia­tu­ra degli asfal­ti cola­ti e dei man­ti imper­mea­bi­li in gene­re.

- Posa­to­re di rive­sti­men­ti, mosai­ci­sta: che ese­gue, su dise­gno, rive­sti­men­ti con mate­ria­li pre­gia­ti (grès, vetro, cera­mi­ca, mosai­co, clin­ker, mar­mo, ecc.) e che pre­sen­ta­no par­ti­co­la­ri dif­fi­col­tà di ese­cu­zio­ne.
Lino­lei­sta: che posa lino­leum di par­ti­co­la­re pre­gio su qual­sia­si super­fi­cie.
Pavi­men­ta­to­re: che ese­gue tipi di pavi­men­ta­zio­ne in grès, vetro, cera­mi­ca, mar­mo, alla pal­la­dia­na ed alla vene­zia­na, che pre­sen­ti­no par­ti­co­la­ri dif­fi­col­tà di ese­cu­zio­ne.
Vetro­ce­men­ti­sta: che esegue,su dise­gno, qual­sia­si lavo­ro in vetro­ce­men­to.
Pal­chet­ti­sta: che met­te in ope­ra pal­chet­ti di legni par­ti­co­lar­men­te pre­gia­ti.
Capo­squa­dra nei lavo­ri di arma­men­to e lavo­ri acces­so­ri del­le linee fer­ro­via­rie: che gui­da l’at­ti­vi­tà ese­cu­ti­va di un grup­po di ope­rai, par­te­ci­pan­do egli stes­so alla ese­cu­zio­ne dei lavo­ri. Date le par­ti­co­la­ri man­sio­ni che lo stes­so deve svol­ge­re nel caso spe­ci­fi­co del­l’ar­ma­men­to, si con­vie­ne di rico­no­scer­gli una mag­gio­ra­zio­ne del 10% sugli ele­men­ti del­la retri­bu­zio­ne di cui al pun­to 3 del­l’art. 24 spet­tan­ti all’o­pe­ra­io spe­cia­liz­za­to (com­pre­so l’u­ti­le mini­mo con­trat­tua­le di cot­ti­mo qua­lo­ra lavo­ri a cot­ti­mo).
Quan­do la man­sio­ne di capo­squa­dra si eser­ci­ta su più grup­pi di ope­rai la mag­gio­ra­zio­ne è rico­no­sciu­ta nel­la misu­ra del 14%.
Addet­to ai lavo­ri di arma­men­to fer­ro­via­rio: colui che ese­gue la sal­da­tu­ra allu­mi­no­ter­mi­ca del­le rota­ie, com­pre­si l’al­li­nea­men­to, il livel­lo, la stuc­ca­tu­ra, i tagli con can­nel­lo e tut­te le altre ope­ra­zio­ni acces­so­rie.
Moto­ri­sta o mec­ca­ni­co o elet­tri­ci­sta: che ese­gue nel can­tie­re — anche per i lavo­ri del­l’ar­ma­men­to fer­ro­via­rio — in offi­ci­na o su natan­ti, ordi­na­rie ripa­ra­zio­ni e instal­la­zio­ni.
Addet­to al fun­zio­na­men­to del­la cen­tra­le di beto­nag­gio o dosa­to­re-pesa­to­re: ope­ra­io che, oltre a svol­ge­re i com­pi­ti pre­vi­sti per l’ad­det­to al fun­zio­na­men­to del­la cen­tra­le al dosag­gio e pesa­tu­ra del­le mate­rie pri­me,
inqua­dra­to nel 2° livel­lo, prov­ve­de anche al coor­di­na­men­to e con­trol­lo del­le con­se­gne e alla com­pi­la­zio­ne dei docu­men­ti di tra­spor­to.
Grui­sta, esca­va­to­ri­sta, con­dut­to­re di mac­chi­ne semo­ven­ti tipo bul­do­zer, scra­per, fini­tri­ci, motor­gre­der, ruspa e simi­li; addet­to al fun­zio­na­men­to di bat­ti­pa­lo mec­ca­ni­co con maz­za bat­ten­te supe­rio­re a 10 q: che prov­ve­de alla con­du­zio­ne e manu­ten­zio­ne di det­te mac­chi­ne ad uso di can­tie­re o di gal­leg­gian­te, alla ripa­ra­zio­ne del­la mac­chi­na in gene­re, al mon­tag­gio e smon­tag­gio, anche con la sosti­tu­zio­ne di pez­zi di ricam­bio.
Mac­chi­ni­sta di loco­mo­ti­ve a vapo­re per decau­vil­le e di rul­li com­pres­so­ri stra­da­li di peso supe­rio­re a 25 ton­nel­la­te: addet­to alla con­du­zio­ne del­la mac­chi­na e all’e­se­cu­zio­ne di lavo­ri di ordi­na­ria manu­ten­zio­ne del­la stes­sa; prov­ve­de alla sua ripa­ra­zio­ne anche con la sosti­tu­zio­ne di pez­zi di ricam­bio.
Auti­sta, con­du­cen­te di auto­be­to­nie­re: addet­to alla con­du­zio­ne del­la mac­chi­na e che prov­ve­de alla puli­zia, alla manu­ten­zio­ne ordi­na­ria e straor­di­na­ria del mez­zo, ivi com­pre­sa la ripa­ra­zio­ne del­le par­ti mec­ca­ni­che in gene­re anche con la sosti­tu­zio­ne di pez­zi di ricam­bio.
Pom­pi­sta: addet­to alla con­du­zio­ne del­la mac­chi­na ed al pom­pag­gio del cal­ce­struz­zo e che prov­ve­de alla puli­zia, alla manu­ten­zio­ne ordi­na­ria e straor­di­na­ria del­le auto­be­ton­pom­pe, alla ripa­ra­zio­ne del­le par­ti mec­ca­ni­che e del­la pom­pa, anche con la sosti­tu­zio­ne di pez­zi di ricam­bio.
Con­du­cen­te di coper­tu­ra e di mac­chi­ne di mez­zi d’o­pe­ra natan­ti, for­ni­ti di moto­ri per la ese­cu­zio­ne di lavo­ri marit­ti­mi, flu­via­li, lacua­li e lagu­na­ri: in que­sta voce sono com­pre­si: il capi­ta­no e cioè il mari­na­io auto­riz­za­to o padro­ne al coman­do, il capo pon­to­ne, il capo dra­ga, il moto­ri­sta di pri­ma, il mac­chi­ni­sta ed il fuo­chi­sta auto­riz­za­ti.
Cuo­co: che pos­sie­de tut­ti i requi­si­ti pro­pri del mestie­re e che sovrain­ten­de al lavo­ro di alme­no cin­que addet­ti alla cuci­na.
Giun­ti­sta: colui che ese­gue con auto­no­mia ese­cu­ti­va e let­tu­ra e inter­pre­ta­zio­ne del dise­gno, giun­zio­ni e col­le­ga­men­ti di cavi e reti tele­fo­ni­che com­ples­se, anche fun­zio­nan­ti a bas­sa e/o alta fre­quen­za, con capa­ci­tà di effet­tua­re ogni rilie­vo del­le misu­re elet­tri­che e tele­fo­ni­che e/o la scel­ta e la intro­du­zio­ne dei cari­chi elet­tri­ci di com­pen­sa­zio­ne, e/o cari­che di pupi­niz­za­zio­ne e/o giun­zio­ne e atte­sta­zio­ne cavi otti­ci.
Guar­dia­fi­li: colui che con auto­no­mia ese­cu­ti­va ed orga­niz­za­ti­va, let­tu­ra cri­ti­ca del pro­get­to e capa­ci­tà di scel­ta alter­na­ti­va dei trac­cia­ti e di valu­ta­zio­ne del fran­co, pre­vio pic­chet­ta­men­to del­la linea, effet­tua la costru­zio­ne di linee tele­fo­ni­che aeree che pre­sen­ta­no un par­ti­co­la­re gra­do di com­ples­si­tà e con deli­be­ra fun­zio­na­le.
Instal­la­to­re: colui che instal­la impian­ti­spe­cia­li tele­fo­ni­ci, elet­tri­ci, e segna­la­men­ti in gene­re.
Mon­ta­to­re: addet­to al mon­tag­gio dista­zio­ni elet­tri­che pri­ma­rie.
Tesa­to­re linee AT-MT.
Amar­ra­gi­sta linee AT-MT.
Addet­to al trac­cia­men­to linee e livel­la­men­to del­le basi dei tra­lic­ci.
Addet­to di offi­ci­na con spe­ci­fi­che cono­scen­ze del­le attrez­za­tu­re del set­to­re elet­tri­co.
Addet­to all’ap­pli­ca­zio­ne di car­ton­ges­so e con­tro­sof­fit­ta­tu­re: addet­to alla rea­liz­za­zio­ne di ope­re di fini­tu­re sia su pare­ti che su sof­fit­ti, non­ché di tra­mez­za­tu­re, uti­liz­zan­do siste­mi a sec­co o pre­fab­bri­ca­ti in gene­re che ese­gue anche su dise­gno.
Deco­ra­to­re, ver­ni­cia­to­re, pit­to­re appli­ca­to­re di para­ti spe­cia­li: addet­to all’e­se­cu­zio­ne su dise­gno di lavo­ri di pit­tu­ra, orna­ti e riqua­dra­tu­ra a chia­ro scu­ro, mac­chia­tu­ra ad imi­ta­zio­ne legno e mar­mo, dora­tu­ra in fogli, scrit­tu­re di inse­gne e filet­ta­tu­ra a mano libe­ra, lac­cat­tu­ra di infis­si, mobi­li ser­ra­men­ti ed acces­so­ri in gene­re; addet­to ad appli­ca­re para­ti spe­cia­li o di lus­so; addet­to all’e­se­cu­zio­ne in cam­po indu­stria­le dei seguen­ti lavo­ri: stuc­ca­tu­ra e levi­ga­tu­ra, con suc­ces­si­va rifi­ni­tu­ra con smal­ti sin­te­ti­ci alla nitro­cel­lu­lo­sa, di mac­chi­ne indu­stria­li e qua­dri­co­man­do, metal­liz­za­zio­ne in cal­do ese­gui­ta anche a spruz­zo, trac­cia­tu­ra a mano libe­ra di let­te­re e nume­ri, ecc.
Posa­to­re di rive­sti­men­ti, mosai­ci­sta: che ese­gue, su dise­gno, rive­sti­men­ti con mate­ria­li pre­gia­ti (grés, vetro, cera­mi­ca, mosai­co, clinc­ker, mar­mo) che per esse­re ese­gui­ti richie­do­no par­ti­co­la­re cono­scen­za dei mate­ria­li e del­le nuo­ve tec­no­lo­gie (cunei auto­bloc­can­ti, mar­mi alla vene­zia­na, pia­strel­le, cera­mi­che).
Ope­ra­io spe­cia­liz­za­to area recu­pe­ro: ope­ra­io che ese­gue lavo­ri spe­cia­liz­za­ti nel recu­pe­ro archi­tet­to­ni­co sul­la base del­le diret­ti­ve dei suoi supe­rio­ri, in pos­ses­so di com­pe­ten­ze tec­ni­co-pra­ti­che e cono­scen­ze con­se­gui­te anche nel siste­ma di for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le.
Ope­ra­io spe­cia­liz­za­to in can­tie­re archeo­lo­gi­co: lavo­ra­to­re che su spe­ci­fi­che dispo­si­zio­ni ese­gue lavo­ri spe­cia­liz­za­ti nel­le aree archeo­lo­gi­che com­por­tan­ti la cono­scen­za del­le tec­ni­che di sca­vo e del recu­pe­ro dei reper­ti.
Roc­cia­to­re: ope­ra­io che, avva­len­do­si di siste­mi di acces­so e posi­zio­na­men­to con tec­ni­che alpi­ni­sti­che median­te funi, sca­le ed altri mez­zi ade­gua­ti, ese­gue e orga­niz­za i lavo­ri di sua spe­cia­li­tà in auto­no­mia a par­ti­re da diret­ti­ve spe­ci­fi­che ed è respon­sa­bi­le del­la loro buo­na ese­cu­zio­ne. Rea­liz­za le tipo­lo­gie di lavo­ra­zio­ni indi­ca­te per l’o­pe­ra­io di 2° livel­lo e le ulte­rio­ri seguen­ti:

  • disgag­gio (abbat­ti­men­to di mas­si in equi­li­brio pre­ca­rio) su pare­ti o pen­dii natu­ra­li;
  • rico­gni­zio­ne su pare­ti roc­cio­se, ambien­ti di alta mon­ta­gna;
  • redi­ge docu­men­ti inter­ni di can­tie­re, leg­ge ele­men­ta­ri dise­gni sche­ma­ti­ci di par­ti­co­la­ri ese­cu­ti­vi ine­ren­ti il lavo­ro;
  • rive­sti­men­to di pare­ti roc­cio­se con reti pro­tet­ti­ve;
  • disbo­sco su pen­dii e pare­ti roc­cio­se;
  • effet­tua misu­ra­zio­ni su super­fi­ci a base di trian­go­li e ret­tan­go­li. 2° livel­lo

2° Livello

Impiegati di 4ª categoria

Appar­ten­go­no alla 4ª cate­go­ria gli impie­ga­ti d’or­di­ne, sia tec­ni­ci che ammi­ni­stra­ti­vi, addet­ti a man­sio­ni ese­cu­ti­ve che non com­por­ti­no l’in­qua­dra­men­to nel­le cate­go­rie supe­rio­ri.

Appar­ten­go­no alla 4ª cate­go­ria gli impie­ga­ti:

  • dat­ti­lo­gra­fi;
  • cen­tra­li­ni­sti tele­fo­ni­ci;
  • addet­ti a man­sio­ni di scrit­tu­ra­zio­ne e copia;
  • addet­ti all’in­se­ri­men­to dati negli ela­bo­ra­to­ri o alla per­fo­ra­zio­ne dische­de mec­ca­no­gra­fi­che;
  • ste­no­dat­ti­lo­gra­fi;
  • addet­ti a man­sio­ni sem­pli­ci di segre­te­ria;
  • addet­ti alla veri­fi­ca di sche­de mec­ca­no­gra­fi­che;
  • addet­ti al con­trol­lo di docu­men­ti con­ta­bi­li rela­ti­vi al movi­men­to del mate­ria­le.

Operai qualificati

Per ope­rai qua­li­fi­ca­ti si inten­do­no que­gli ope­rai che sono capa­ci di ese­gui­re lavo­ri che neces­si­ta­no di spe­ci­fi­ca nor­ma­le capa­ci­tà per la loro ese­cu­zio­ne.

A tito­lo di esem­pio sono con­si­de­ra­ti ope­rai qua­li­fi­ca­ti:
Car­pen­tie­re: ope­ra­io che ese­gue in legno o in fer­ro lavo­ri pro­pri del­la cate­go­ria non indi­ca­ti nel­le esem­pli­fi­ca­zio­ni ripor­ta­te per il car­pen­tie­re spe­cia­liz­za­to.
Mura­to­re: ope­ra­io che ese­gue lavo­ri pro­pri del­la cate­go­ria non indi­ca­ti per il mura­to­re spe­cia­liz­za­to.
Pon­ta­to­re: ope­ra­io che ese­gue in legno o fer­ro, impal­ca­tu­re di ser­vi­zio con ele­men­ti obbli­ga­ti e pre­di­spo­sti per qual­sia­si tipo di pon­teg­gio.
Addet­to alla rifi­ni­tu­ra di pan­nel­li pre­fab­bri­ca­ti di pare­te e di sola­io, di ram­pe sca­le, ecc.
Addet­to al mon­tag­gio in ope­ra, in can­tie­re, di pan­nel­li pre­fab­bri­ca­ti di pare­te o di sola­io, di ram­pe sca­le, ecc. con l’im­pie­go di attrez­za­tu­re di soste­gno.
Addet­to alla pre­pa­ra­zio­ne e posa in ope­ra di fili o cavi d’ac­cia­io per l’ar­ma­tu­ra di strut­tu­re in cemen­to arma­to pre­com­pres­so.
Addet­to ad ope­ra­zio­ni di pali­fi­ca­zio­ne, posa e recu­pe­ro cavi.
Addet­to all’i­nie­zio­ne di misce­le legan­ti nei cavi di accia­io tesa­ti per l’ar­ma­tu­ra di strut­tu­re in cemen­to arma­to pre­com­pres­so.
Imbo­sca­to­re o arma­to­re: ope­ra­io che ese­gue lavo­ri di arma­men­to di gal­le­rie, di poz­zi, di sca­vi, di fogna­tu­re, non indi­ca­ti per gli spe­cia­liz­za­ti.
Mina­to­re: ope­ra­io che ese­gue tut­ti i lavo­ri ine­ren­ti all’im­pie­go del­le mine, per sca­vi in roc­cia, esclu­si quel­li indi­ca­ti per il mina­to­re spe­cia­liz­za­to e per il fochi­no.
Cemen­ti­sta per get­ti in cemen­to arma­to: ope­ra­io che cura i pia­ni di lavo­ro.
Cemen­ti­sta per pie­tra arti­fi­cia­le.
Scal­pel­li­no e mar­tel­li­sta per pie­tra arti­fi­cia­le.
Fale­gna­me: ope­ra­io che ese­gue lavo­ri di riqua­dra­tu­ra, di posa in ope­ra di ser­ra­men­ti, di ripa­ra­zio­ne e lavo­ri nor­ma­li di can­tie­re.
Deco­ra­to­re, ver­ni­cia­to­re, imbian­ca­to­re, colo­ri­sta, tap­pez­zie­re: addet­to, nei lavo­ri civi­li, alla ver­ni­cia­tu­ra, imbian­ca­tu­ra, colo­ri­tu­ra ed all’ap­pli­ca­zio­ne di para­ti comu­ni su super­fi­ci, into­na­ci, infis­si, ser­ra­men­ti e vari; addet­to, nei lavo­ri indu­stria­li, alla ver­ni­cia­tu­ra di car­pen­te­rie metal­li­che, car­ri pon­ti, tra­lic­ci, mac­chi­na­ri, ecc., all’im­bian­ca­tu­ra, alla colo­ri­tu­ra di super­fi­ci mura­li di capan­no­ni; addet­to anche all’e­se­cu­zio­ne di lavo­ri di sab­bia­tu­ra, lavag­gi con pom­pe ad alta pres­sio­ne e spruz­za­tu­ra di qual­sia­si tipo di pro­dot­to con impian­ti ido­nei e che prov­ve­de altre­sì all’or­di­na­ria manu­ten­zio­ne degli stes­si; addet­to comun­que a lavo­ri pro­pri del­la cate­go­ria non indi­ca­ti nel­le esem­pli­fi­ca­zio­ni ripor­ta­te per gli ope­rai spe­cia­liz­za­ti.
Stuc­ca­to­re comu­ne, riqua­dra­to­re disof­fit­ti e pare­ti.
Addet­to a ope­re di imper­mea­bi­liz­za­zio­ne e iso­la­men­to:
addet­to a:

  1. prov­ve­de­re alla dosa­tu­ra e misce­la­zio­ne a cal­do (anche negli impian­ti fis­si e mobi­li, con la rela­ti­va manu­ten­zio­ne) degli asfal­ti cola­ti e mal­te asfal­ti­che, valu­tan­do il giu­sto gra­do di pre­pa­ra­zio­ne;
  2. svol­ge­re le atti­vi­tà pro­prie del­la cate­go­ria che non pre­sen­ti­no par­ti­co­la­ri dif­fi­col­tà, qua­li ad esem­pio:
    • ese­gui­re man­ti imper­mea­bi­li;
    • met­te­re in ope­ra stra­ti ter­mo-iso­lan­ti sul pia­no e sul­le pare­ti ver­ti­ca­li;
    • ese­gui­re cap­pe cemen­ti­zie per for­ma­zio­ne del­le pen­den­ze e per ripar­ti­zio­ne su stra­ti iso­lan­ti.
      E’ pure addet­to alla ese­cu­zio­ne di giun­ti e sigil­la­tu­re con masti­ci, all’ap­pli­ca­zio­ne di ver­ni­ci (riflet­ten­ti o colo­ra­te) sui man­ti imper­mea­bi­li, alla gra­ni­glia­tu­ra e sab­bia­tu­ra degli asfal­ti cola­ti e dei man­ti imper­mea­bi­li in gene­re, alla fusio­ne di bitu­mi e catra­mi e loro misce­le.

- Posa­to­re di rive­sti­men­ti, mosai­ci­sta: che ese­gue pavi­men­ti e rive­sti­men­ti a mosai­co con mate­ria­le comu­ne, diver­so da quel­lo indi­ca­to per gli ope­rai­spe­cia­liz­za­ti del­la cate­go­ria.
Pavi­men­ta­to­re: che posa in ope­ra pavi­men­ti di tipo comu­ne i qua­li non pre­sen­ta­no par­ti­co­la­ri di rilie­vo.
Vetro­ce­men­ti­sta: che ese­gue lavo­ri di tipo comu­ne in vetro­ce­men­to.
Pal­chet­ti­sta: che ese­gue pavi­men­ti in legno di tipo nor­ma­le.
Lino­lei­sta: posa­to­re di lino­leum di tipo comu­ne su qual­sia­si super­fi­cie.
Sel­cia­to­re: che ese­gue sel­cia­ti con bolo­gni­ni, pie­tre squa­dra­te, ciot­to­li e por­fi­do, curan­do le oppor­tu­ne pen­den­ze.
Lastri­ca­to­re: ope­ra­io che ese­gue lastri­ca­ti con pie­tre squa­dra­te e ad “opus incer­tum” curan­do le oppor­tu­ne pen­den­ze.
Addet­to ai lavo­ri di arma­men­to fer­ro­via­rio:

  • colui che rego­la­riz­za lo scar­ta­men­to del bina­rio e dei devia­toi;
  • colui che ese­gue la fora­tu­ra del­le tra­ver­se e dei legna­mi sia a mano che con mez­zi mec­ca­ni­ci;
  • colui che ese­gue la rin­cal­za­tu­ra del­le tra­ver­se e dei legna­mi del bina­rio con mar­tel­li mec­ca­ni­ci (sia a per­cus­sio­ne che a vibra­zio­ne);
  • colui che ese­gue la fora­tu­ra del­le rota­ie con tra­pa­no a mano o mec­ca­ni­co;
  • colui che ese­gue il taglio del­le rota­ie con mez­zi mec­ca­ni­ci;
  • colui che, con mez­zi mec­ca­ni­ci a moto­re, ese­gue l’al­len­ta­men­to o strin­gi­men­to, lo smon­tag­gio o mon­tag­gio degli orga­ni di attac­co del bina­rio o devia­toi;
  • colui che è addet­to al ser­vi­zio di pro­te­zio­ne e di vigi­lan­za del can­tie­re duran­te lo svol­gi­men­to del lavo­ro o dei pas­sag­gi a livel­lo, abi­li­ta­to dal­l’Am­mi­ni­stra­zio­ne del­le Fer­ro­vie del­lo Sta­to. Non può esse­re adi­bi­to a tali man­sio­ni chi non è muni­to di abi­li­ta­zio­ne.

- Sal­da­to­re: ope­ra­io che ese­gue lavo­ri nor­ma­li disal­da­tu­ra con appa­rec­chia­tu­re elet­tri­che o ossia­ce­ti­le­ni­che.
Moto­ri­sta mec­ca­ni­co o elet­tri­ci­sta di secon­da: addet­to al fun­zio­na­men­to ed alla manu­ten­zio­ne ordi­na­ria dei moto­ri, mac­chi­ne ed impian­ti, anche per i lavo­ri del­l’ar­ma­men­to fer­ro­via­rio.
Car­ro­pon­ti­sta: ope­ra­io che prov­ve­de alla con­du­zio­ne e manu­ten­zio­ne ordi­na­ria del­la mac­chi­na.
Con­du­cen­te di loco­mo­to­ri decau­ville con moto­re elet­tri­co o a scop­pio e di rul­lo com­pres­so­re di peso fino a 25 ton­nel­la­te: ope­ra­io che con­du­ce la mac­chi­na e che ese­gue lavo­ri di ordi­na­ria manu­ten­zio­ne del­la stes­sa.
Mec­ca­ni­co ed elet­tri­ci­sta comu­ne.
Fuo­chi­sta e con­dut­to­re di gene­ra­to­ri di vapo­re, moto­ri­sta di secon­da su natan­ti: per cui è richie­sta la paten­te di 3° gra­do gene­ra­le e par­ti­co­la­re.
Addet­to al fun­zio­na­men­to del­la cen­tra­le di beto­nag­gio o dosa­to­re-pesa­to­re: ope­ra­io che con­trol­la il rego­la­re afflus­so dei mate­ria­li, cura le ope­ra­zio­ni di dosa­tu­ra e pesa­tu­ra, com­pi­la i docu­men­ti di tra­spor­to e prov­ve­de alla manu­ten­zio­ne ordi­na­ria del­l’im­pian­to.
- Auti­sta, con­du­cen­te di auto­be­to­nie­re addet­to alla con­du­zio­ne del mez­zo e che prov­ve­de alla puli­zia ed alla manu­ten­zio­ne ordi­na­ria del­lo stes­so.
Pali­sta: ope­ra­io addet­to alla con­du­zio­ne di pala mec­ca­ni­ca per l’a­li­men­ta­zio­ne del­la cen­tra­le di beto­nag­gio, che prov­ve­de anche alla manu­ten­zio­ne del mez­zo ed alla puli­zia del­l’a­rea di ser­vi­zio del­la cen­tra­le.
Pom­pi­sta: addet­to alla con­du­zio­ne del­la mac­chi­na e al pom­pag­gio del cal­ce­struz­zo, che prov­ve­de alla ordi­na­ria manu­ten­zio­ne del­la auto­be­ton­pom­pa e alla puli­zia del­la stes­sa.
Con­dut­to­re di loco­mo­bi­li a vapo­re: per cui è richie­sta la paten­te di 4° gra­do.
Con­dut­to­re di coper­ta di mez­zi d’o­pe­ra natan­ti sfor­ni­ti di moto­re a pro­pul­sio­ne, per la ese­cu­zio­ne di lavo­ri marit­ti­mi, flu­via­li, lacua­li e lagu­na­ri.
Fab­bro di can­tie­re.
Lat­to­nie­re e tubi­sta comu­ne.
Nostro­mo dise­con­da.
Palom­ba­ro dise­con­da.
Gui­da palom­ba­ro.
Cam­pa­na­ro-pipi­sta per lavo­ri in cas­so­ni ad aria com­pres­sa: addet­to alle mano­vre nel­la came­ra di equi­li­brio.
Cuo­co di secon­da: che pos­sie­de tut­ti i requi­si­ti pro­pri del mestie­re.
Giun­ti­sta: colui che sul­la base di det­ta­glia­te indi­ca­zio­ni e/o dise­gni inse­ri­ti in cicli di lavo­ra­zio­ne ese­gue giun­zio­ni o col­le­ga­men­ti di cavi o reti tele­fo­ni­che di nor­ma­le dif­fi­col­tà.
Guar­dia­fi­li: colui che effet­tua la tesa­tu­ra del­le linee dei con­dut­to­ri elet­tri­ci e tele­fo­ni­ci e le ope­ra­zio­ni com­ple­men­ta­ri sem­pli­ci, che pre­pa­ra e pone in ope­ra i soste­gni con il pala­ti­co arma­men­to.
Instal­la­to­re: colui che instal­la impian­ti spe­cia­li tele­fo­ni­ci, elet­tri­ci e segna­la­men­ti in gene­re.
- Mon­ta­to­re di tra­lic­ci in fer­ro e soste­gni in gene­re.
Addet­to, nel­set­to­re del­l’in­stal­la­zio­ne di linee elet­tri­che, alla manu­ten­zio­ne di offi­ci­na.
Addet­to alla posa di cavi sot­ter­ra­nei ed aerei.
Aiu­to tesa­to­re linee AT-MT.
Aiu­to amar­ra­gi­sta linee AT-MT.
Addet­to all’ap­pli­ca­zio­ne di car­ton­ges­so e con­tro­sof­fit­ta­tu­re: addet­to alla rea­liz­za­zio­ne di ope­re di fini­tu­re sia su pare­ti che su sof­fit­ti, non­ché di tra­mez­za­tu­re, uti­liz­zan­do siste­mi a sec­co o pre­fab­bri­ca­ti in gene­re.
Addet­to alla pre­pa­ra­zio­ne e posa in ope­ra di tuba­zio­ni per tele­co­mu­ni­ca­zio­ni, for­ni­tu­ra di ener­gia elet­tri­ca, gas e/o altro mate­ria­le neces­sa­rio al fun­zio­na­men­to di siste­mi a rete.
Addet­to ai lavo­ri di ripa­ra­zio­ne mura­ria e restau­ri di archi, piat­ta­ban­de, vol­te a cro­cie­ra, ecc. con l’u­so di mate­ria­li tradizionali,speciali o sin­te­ti­ci con l’a­do­zio­ne di tec­ni­che spe­ci­fi­che (scu­ci-cuci).
Addet­to con ade­gua­ta e cer­ti­fi­ca­ta for­ma­zio­ne teo­ri­ca-pra­ti­ca ad ope­ra­zio­ni di boni­fi­ca e smal­ti­men­to di mate­ria­li noci­vi, nel­l’am­bi­to di lavo­ri di ristrut­tu­ra­zio­ni e rea­liz­za­zio­ne.
Roc­cia­to­re: ope­ra­io che, avva­len­do­si di siste­mi di acces­so e posi­zio­na­men­to con tec­ni­che alpi­ni­sti­che median­te funi, sca­le ed altri mez­zi ade­gua­ti, ese­gue e orga­niz­za lavo­ri ordi­na­ri del­la sua spe­cia­li­tà, sot­to la gui­da di ope­rai con qua­li­fi­ca supe­rio­re a par­ti­re da diret­ti­ve gene­ra­li.
Rea­liz­za le seguen­ti tipo­lo­gie di lavo­ra­zio­ni:

  • puli­tu­ra di pare­ti roc­cio­se con reti pro­tet­ti­ve;
  • mon­tag­gio di bar­rie­re e/o para­mas­si, pre­va­lan­ghe e/o reti di pro­te­zio­ne;
  • ope­re di manu­ten­zio­ne di manu­fat­ti ed edi­fi­ci sprov­vi­sti di pon­teg­gi di ser­vi­zio o di piat­ta­for­me mobi­li;
  • per­fo­ra­zio­ni su pare­ti natu­ra­li con per­fo­ra­tri­ci por­ta­li o mon­ta­te su slit­te o piat­ta­for­me per la rea­liz­za­zio­ne di chio­da­tu­re, tiran­ti e anco­rag­gi;
  • prov­ve­de all’or­di­na­ria manu­ten­zio­ne del­l’at­trez­za­tu­ra indi­vi­dua­le e di can­tie­re.

1° livello

Impiegati di 4ª categoria primo impiego

Appar­ten­go­no alla cate­go­ria gli impie­ga­ti di pri­mo impie­go qui di segui­to spe­ci­fi­ca­ti:

  • dat­ti­lo­gra­fi;
  • cen­tra­li­ni­sti tele­fo­ni­ci;
  • addet­ti a man­sio­ni di scrit­tu­ra­zio­ne e copia;
  • addet­ti all’in­se­ri­men­to dati negli ela­bo­ra­to­ri o alla per­fo­ra­zio­ne di sche­de mec­ca­no­gra­fi­che.

Agli effet­ti di cui al com­ma pre­ce­den­te, si con­si­de­ra per­so­na­le di pri­mo impie­go quel­lo che non abbia com­piu­to anche pres­so diver­se azien­de, un bien­nio di ser­vi­zio nel­la spe­ci­fi­ca man­sio­ne.

Resta inte­so che l’an­zia­ni­tà uti­le per la matu­ra­zio­ne degli aumen­ti perio­di­ci di anzia­ni­tà decor­re dal­la data di assun­zio­ne.

Operai comuni

Per ope­rai comu­ni si inten­do­no colo­ro che sono capa­ci di com­pie­re lavo­ri nei qua­li, pur pre­va­len­do lo sfor­zo fisi­co, que­st’ul­ti­mo è asso­cia­to al com­pi­men­to di deter­mi­na­te sem­pli­ci attri­bu­zio­ni ine­ren­ti al lavo­ro; oppu­re sono adi­bi­ti al lavo­ro o ser­vi­zi per i qua­li occor­ra qual­che atti­tu­di­ne o cono­scen­za con­se­gui­bi­le in pochi gior­ni. In que­sta cate­go­ria sono com­pre­si anche gli aiu­tan­ti del­la cate­go­ria ope­rai qua­li­fi­ca­ti e quel­li del­la cate­go­ria ope­rai spe­cia­liz­za­ti pur­ché non sia­no ope­rai qua­li­fi­ca­ti.

A tito­lo di esem­pio sono con­si­de­ra­ti ope­rai:
Addet­to al ser­vi­zio diret­to di ope­rai spe­cia­liz­za­ti o qua­li­fi­ca­ti (sem­pre­ché non sia egli stes­so ope­ra­io spe­cia­liz­za­to o qua­li­fi­ca­to) per com­pie­re, come aiu­tan­te o sot­to la gui­da degli ope­rai cui è addet­to nel­l’e­se­cu­zio­ne dei lavo­ri pro­pri a que­sti ulti­mi, le lavo­ra­zio­ni com­ple­men­ta­ri di can­tie­re, qua­li: la cor­re­zio­ne di mal­te al pia­no di lavo­ro, il reim­pa­sto degli even­tua­li resi­dui del­le stes­se dopo il perio­do di sosta; il ser­vi­zio di approv­vi­gio­na­men­to al pia­no, pre­via scel­ta, dei mat­to­ni ido­nei per l’e­se­cu­zio­ne del­le lavo­ra­zio­ni a fac­cia vista o del pie­tra­me spe­ci­fi­ca­men­te ido­neo per l’e­se­cu­zio­ne del­la mura­tu­ra nel cor­so del­la lavo­ra­zio­ne; la scel­ta, la pre­pa­ra­zio­ne e il ser­vi­zio di approv­vi­gio­na­men­to al pia­no degli ele­men­ti costi­tuen­ti solai di par­ti­co­la­re con­for­ma­zio­ne; l’e­se­cu­zio­ne di lavo­ri mura­ri­sem­pli­ci (sgros­sa­tu­ra pre­pa­ra­to­ria alla sigil­la­tu­ra dei pavi­men­ti, dei rive­sti­men­ti, dei ser­ra­men­ti inter­ni ed ester­ni e dei con­tro­te­lai, la scel­ta dei pez­zi di mar­mo di misu­ra per pavi­men­ti e sca­le, la pre­pa­ra­zio­ne di sot­to­fon­di grez­zi, ecc.).

- Addet­to nel­le ope­re rea­liz­za­te con siste­mi di pre­fab­bri­ca­zio­ne, qua­li rin­ghie­re, para­pet­ti, ecc. pro­prie dei can­tie­ri di pre­fab­bri­ca­zio­ne:

  • al mon­tag­gio e smon­tag­gio di stam­pi pre­for­ma­ti e del­le rela­ti­ve par­ti com­po­nen­ti già pre­di­spo­ste;
  • al mon­tag­gio in ope­ra, in can­tie­re, di pan­nel­li pre­fab­bri­ca­ti di pare­te o di sola­io, con l’im­pie­go di attrez­za­tu­re di soste­gno;
  • alla posa in ope­ra, entro stam­pi pre­for­ma­ti, di gab­bie, fer­ri e anco­rag­gi per ele­men­ti pre­fab­bri­ca­ti in cemen­to arma­to, di ele­men­ti di late­ri­zi, di mate­ria­le iso­lan­te, di ele­men­ti per rive­sti­men­to (foglie di tes­se­ri­ne, pia­strel­le in cot­to grès, clin­ker, ecc.), di tubazioni,serramenti, davan­za­li e altri manu­fat­ti in gene­re;
  • al get­to di cal­ce­struz­zo negli stam­pi;
  • alla rifi­ni­tu­ra di pan­nel­li pre­fab­bri­ca­ti di pare­te o di sola­io, di ram­pe sca­la, ecc.;
  • alla tesa­tu­ra con l’u­so di appa­rec­chia­tu­re appo­si­te di fili o cavi di accia­io per l’ar­ma­tu­ra di strut­tu­re in cemen­to arma­to pre­com­pres­so;
  • alla pre­pa­ra­zio­ne e posa in ope­ra di fili o cavi di accia­io per l’ar­ma­tu­ra di strut­tu­re in cemen­to arma­to pre­com­pres­so;
  • all’i­nie­zio­ne di misce­le legan­ti nei cavi di accia­io tesa­ti per l’ar­ma­tu­ra distrut­tu­re in cemen­to pre­com­pres­so;
  • al mon­tag­gio in ope­ra, in can­tie­re, di ele­men­ti pre­fab­bri­ca­ti, qua­li tra­vi prin­ci­pa­li e secon­da­rie, capria­te, cor­ni­cio­ni, ecc. nel­la costru­zio­ne di fab­bri­ca­ti indu­stria­li, pon­ti, via­dot­ti ed altre ope­re di edi­li­zia spe­cia­le;
  • alla sigil­la­tu­ra di giun­ti con l’u­so di masti­ci o misce­le legan­ti, di ele­men­ti pre­fab­bri­ca­ti posti in ope­ra, qua­li pareti,solai, cor­ni­cio­ni, ecc.

- Addet­to ad ope­ra­zio­ni com­ple­men­ta­ri del­la con­fe­zio­ne di pan­nel­li qua­li lavag­gi, aspor­ta­zio­ne di car­te o sbavature,spazzolature, ecc.
Ter­raz­zie­re: addet­to all’e­se­cu­zio­ne di lavo­ri di sca­vo a sezio­ne obbli­ga­ta, non­ché la pro­fi­la­tu­ra di scar­pa­te, di cunet­te stra­da­li, la sba­dac­chia­tu­ra (e non arma­men­to) degli sca­vi ed il livel­la­men­to del ter­re­no secon­do la pic­chet­ta­tu­ra.
Cal­ci­na­io o cal­ci­na­io­lo.
Pie­ga­fer­ro o posa­to­re di arma­tu­re di fer­ro in stam­pi pre­for­ma­ti.
Mas­sic­cia­to­re stra­da­le.
Bat­ti­to­re o aiu­tan­te posa­to­re stra­da­le.
Spez­za­to­re o spac­ca­pie­tre o pie­tri­scan­te.
Aiu­to deco­ra­to­re, aiu­to ver­ni­cia­to­re: che ese­gue, come aiu­tan­te o sot­to la gui­da di ope­rai spe­cia­liz­za­ti o qua­li­fi­ca­ti, lavo­ri di per­ti­nen­za del­la cate­go­ria, comun­que che ese­gue lavo­ri di pre­pa­ra­zio­ne, imbian­ca­tu­ra, colo­ri­tu­ra e ver­ni­cia­tu­ra sem­pli­ce e lavo­ri di carat­te­re indu­stria­le.
Aiu­to tap­pez­zie­re: che ese­gue, come aiu­tan­te o sot­to la gui­da di ope­rai spe­cia­liz­za­ti o qua­li­fi­ca­ti, lavo­ri di per­ti­nen­za del­la cate­go­ria.
Aiu­to posa­to­re di pavi­men­ti e rive­sti­men­ti o posa­to­re degli stes­si in stam­pi pre­for­ma­ti.
Arro­ta­to­re o mola­to­re o levi­ga­to­re o luci­da­to­re o liscia­to­re di pavi­men­ti o disu­per­fi­ci di get­ti.
Addet­to a ope­re di imper­mea­bi­liz­za­zio­ne e iso­la­men­to: ope­ra­io al ser­vi­zio diret­to di ope­rai spe­cia­liz­za­ti o qua­li­fi­ca­ti (sem­pre che non sia egli stes­so ope­ra­io spe­cia­liz­za­to o qua­li­fi­ca­to), che ese­gue, come aiu­tan­te o sot­to la gui­da degli ope­rai cui è affian­ca­to nel­la ese­cu­zio­ne dei lavo­ri pro­pri a que­sti ulti­mi, le lavo­ra­zio­ni com­ple­men­ta­ri di can­tie­re, qua­li:

  • prov­ve­de­re alla fusio­ne del bitu­me e catra­me e loro misce­le e alla manu­ten­zio­ne del­le rela­ti­ve cal­da­ie;
  • ese­gui­re giun­ti e sigil­la­tu­re con masti­ci;
  • appli­ca­re ver­ni­ci (riflet­ten­ti o colorate)sui man­ti imper­mea­bi­li e sui­sot­to­fon­di;
  • ese­gui­re la gra­ni­glia­tu­ra e sab­bia­tu­ra degli asfal­ti cola­ti e dei man­ti imper­mea­bi­li in gene­re;
  • mano­vra­re gli arga­ni;
  • ese­gui­re lavo­ri di disfa­ci­men­to, cari­co e sca­ri­co, puli­zia gene­ra­le;
  • tra­spor­ta­re dei mate­ria­li bitu­mi­no­si fusi.

- Get­ta­to­re o tubi­sta in cemen­to.
Addet­to all’u­so di vibra­to­ri per­strut­tu­re cemen­ti­zie.
Addet­to all’u­so di mar­tel­li pneu­ma­ti­ci.
Addet­to all’u­so di vibra­to­ri, sifo­ni, pipe e lan­ce di acqua, nei lavo­ri in cas­so­ni ad aria com­pres­sa.

- Addet­to ai lavo­ri di arma­men­to fer­ro­via­rio:

  • colui che ese­gue la rin­cal­za­tu­ra a mano del­le tra­ver­se e dei legna­mi;
  • colui che sen­za impie­go di mez­zi mec­ca­ni­ci a moto­re ese­gue l’al­len­ta­men­to o lo strin­gi­men­to, lo smon­tag­gio o mon­tag­gio degli orga­ni di attac­co del bina­rio o devia­toi;
  • colui che col­lo­ca in sede le rota­ie e gli orga­ni di attac­co per le suc­ces­si­ve ope­ra­zio­ni di mon­tag­gio del bina­rio e dei devia­toi, o che dopo lo smon­tag­gio del bina­rio o dei devia­toi ese­gue le ope­ra­zio­ni inver­se;
  • colui che ese­gue il cam­bio del­le tra­ver­se o dei legna­mi;
  • colui che aiu­ta il sal­da­to­re nel­le ope­ra­zio­ni di sal­da­tu­ra allu­mi­no­ter­mi­ca del­le rota­ie;
  • colui che nei lavo­ri di sca­vo com­pie ope­ra­zio­ni ana­lo­ghe a quel­le del ter­raz­zie­re;
  • colui che è addet­to alla vigi­lan­za dei pas­sag­gi a livel­lo nel­le linee fer­ro­via­rie secon­da­rie.

 

- Addet­to nei lavo­ri di siste­ma­zio­ne agra­ria, fore­sta­le e di ver­de pub­bli­co al ser­vi­zio diret­to di ope­rai spe­cia­liz­za­ti o qua­li­fi­ca­ti (sem­pre­ché non sia egli stes­so ope­ra­io spe­cia­liz­za­to o qua­li­fi­ca­to) per com­pie­re, come aiu­tan­te o sot­to la gui­da degli ope­rai cui è addet­to nel­l’e­se­cu­zio­ne dei lavo­ri pro­pri di que­sti ulti­mi, lavo­ra­zio­ni com­ple­men­ta­ri.
Addet­to al fun­zio­na­men­to del mac­chi­na­rio (come beto­nie­re, ben­ne raschian­ti, mon­ta­ca­ri­chi, bloc­chie­re,
molaz­ze, car­rel­li tra­spor­ta­to­ri, dum­pers).
Fre­na­to­re: addet­to a cave di sab­bia od al can­tie­re con movi­men­to di ter­ra, adi­bi­to esclu­si­va­men­te alla fre­na­tu­ra.
Aiu­to pon­ta­to­re.
Aiu­tan­te fuo­chi­sta.
Addet­to a tra­spor­ti con decau­vil­le.
Addet­to a lavo­ri di coper­tu­ra e sco­per­tu­ra e lavo­ri di diser­ba­men­to nel­l’ar­ma­men­to fer­ro­via­rio.
Magaz­zi­nie­re: l’o­pe­ra­io che ha in con­se­gna mate­ria­li, gli arne­si e le attrez­za­tu­re e ne cura la sele­zio­ne, con­ser­va­zio­ne e distri­bu­zio­ne, anche se addet­to ai magaz­zi­ni di can­tie­re dei lavo­ri del­l’ar­ma­men­to fer­ro­via­rio e ai magaz­zi­ni di sta­bi­li­men­ti o di can­tie­re di pre­fab­bri­ca­zio­ne.
Car­ret­tie­re, bar­ca­io­lo, bat­tel­lan­te.
Mari­na­io.
Cuci­nie­re o aiu­tan­te di cuci­na.
Aiu­to giun­ti­sta, guar­dia­fi­li, instal­la­to­re: addet­to al ser­vi­zio diret­to di ope­rai spe­cia­liz­za­ti o qua­li­fi­ca­ti per com­pie­re come aiu­tan­te le lavo­ra­zio­ni com­ple­men­ta­ri.
Addet­to alla ese­cu­zio­ne di sca­vi a mano o a mez­zo di attrez­za­tu­re mec­ca­ni­che sem­pli­ci.
Addet­to alla posa in sca­vi aper­ti di tuba­zio­ni o altri mate­ria­li.
— Addet­to all’e­se­cu­zio­ne di get­ti di cal­ce­struz­zo in sca­vi aper­ti per soste­gno di linee elet­tri­che.

* * *

L’as­se­gna­zio­ne dei lavo­ra­to­ri alle diver­se cate­go­rie deve esse­re effet­tua­ta in base alle man­sio­ni dagli stes­si in con­cre­to eser­ci­ta­te, indi­pen­den­te­men­te dal­le deno­mi­na­zio­ni usa­te dal­le par­ti.

Laureati e diplomati

I lau­rea­ti in spe­cia­li­tà tec­ni­che ine­ren­ti all’in­du­stria edi­li­zia (inge­gne­ri, archi­tet­ti e simi­li), in spe­cia­li­tà ammi­ni­stra­ti­ve (dot­to­ri in eco­no­mia e com­mer­cio, in giu­ri­spru­den­za e simi­li) e i diplo­ma­ti di scuo­le medie supe­rio­ri in spe­cia­li­tà tec­ni­che ine­ren­ti all’in­du­stria edi­li­zia (geo­me­tri, peri­ti edi­li e simi­li) o in spe­cia­li­tà ammi­ni­stra­ti­ve (ragio­nie­ri, peri­ti com­mer­cia­li) non pos­so­no esse­re asse­gna­ti a cate­go­ria infe­rio­re alla 2ª per i lau­rea­ti ed alla 3ª per i diplo­ma­ti, sem­pre ché sia­no adi­bi­ti a man­sio­ni ine­ren­ti al loro tito­lo di stu­dio.

Ter­mi­na­to il perio­do di pro­va:

  • agli impie­ga­ti lau­rea­ti, se man­te­nu­ti in 2ª cate­go­ria, è dovu­ta una mag­gio­ra­zio­ne del cin­que per cen­to sul­lo sti­pen­dio mini­mo men­si­le di cui all’art. 45;
  • agli impie­ga­ti diplo­ma­ti, se man­te­nu­ti in 3ª cate­go­ria, è dovu­ta una mag­gio­ra­zio­ne del­l’ot­to per cen­to sul­lo sti­pen­dio mini­mo men­si­le di cui all’art. 45.

Il tito­lo di stu­dio deve esse­re denun­cia­to per iscrit­to all’im­pre­sa, all’at­to del­l’as­sun­zio­ne o del con­se­gui­men­to di esso.

Caposquadra

Al lavo­ra­to­re (comun­que deno­mi­na­to: capo­squa­dra, capo ope­ra­io, capo sciol­ta, capo­ra­le, ecc.) che, a qua­lun­que cate­go­ria o qua­li­fi­ca appar­ten­ga, sia espres­sa­men­te pre­po­sto dal­l’im­pre­sa a sor­ve­glia­re ed a gui­da­re l’at­ti­vi­tà ese­cu­ti­va di un grup­po di cin­que o più ope­rai di qual­sia­si cate­go­ria o qua­li­fi­ca, e par­te­ci­pi egli stes­so diret­ta­men­te all’e­se­cu­zio­ne dei lavo­ri, è rico­no­sciu­ta, per tale par­ti­co­la­re inca­ri­co e limi­ta­ta­men­te alla dura­ta del­lo stes­so, una mag­gio­ra­zio­ne del 10% da com­pu­tar­si sugli ele­men­ti del­la retri­bu­zio­ne di cui al pun­to 3 del­l’art. 24 (com­pre­so l’u­ti­le mini­mo con­trat­tua­le di cot­ti­mo qua­lo­ra lavo­ri a cot­ti­mo).

Al pre­det­to lavo­ra­to­re deve esse­re rico­no­sciu­ta in ogni caso una retri­bu­zio­ne non infe­rio­re a quel­la del­l’o­pe­ra­io qua­li­fi­ca­to, oltre alla mag­gio­ra­zio­ne del 10% di cui sopra sugli ele­men­ti del­la retri­bu­zio­ne di cui al pun­to 3 del­l’art. 24 (com­pre­so l’u­ti­le mini­mo con­trat­tua­le di cot­ti­mo qua­lo­ra lavo­ri a cot­ti­mo).

* * *

In caso di con­te­sta­zio­ne sul­l’at­tri­bu­zio­ne del­le qua­li­fi­che, resta sal­va la facol­tà di spe­ri­men­ta­re il ten­ta­ti­vo di con­ci­lia­zio­ne tra la Dire­zio­ne azien­da­le e la Rap­pre­sen­tan­za sin­da­ca­le uni­ta­ria.

* * *

Patentino per operatori di macchine complesse

Dal 1° luglio 2009 i lavo­ra­to­ri che ope­ra­no uti­liz­zan­do mac­chi­ne com­ples­se nel set­to­re del­le fon­da­zio­ni e dei con­so­li­da­men­ti e nel set­to­re del­le inda­gi­ni e per­fo­ra­zio­ni nel sot­to­suo­lo devo­no esse­re in pos­ses­so di un paten­ti­no rila­scia­to dal­le Scuo­le edi­li con­for­me alle nor­ma­ti­ve vigen­ti negli Sta­ti del­la UE.

Norma transitoria

Le par­ti deman­da­no al For­me­dil nazio­na­le la pro­get­ta­zio­ne dei per­cor­si for­ma­ti­vi spe­ci­fi­ci e del­le pro­ce­du­re di rila­scio del paten­ti­no.
E’ isti­tui­ta una Com­mis­sio­ne pari­te­ti­ca con il com­pi­to di rive­de­re l’at­tua­le siste­ma di clas­si­fi­ca­zio­ne dei lavo­ra­to­ri anche alla luce del­le tra­sfor­ma­zio­ni del set­to­re, non­ché del­le nuo­ve dispo­si­zio­ni di leg­ge in mate­ria di mer­ca­to del lavo­ro e for­ma­zio­ne, che dovrà ter­mi­na­re i pro­pri lavo­ri entro il 31 dicem­bre 2005.
In par­ti­co­la­re, la Com­mis­sio­ne dovrà effet­tua­re:
— l’a­na­li­si e l’e­ven­tua­le rie­la­bo­ra­zio­ne del­l’at­tua­le siste­ma di clas­si­fi­ca­zio­ne;
— l’in­tro­du­zio­ne di nuo­ve figu­re pro­fes­sio­na­li;
— la revi­sio­ne del­le com­pe­ten­ze del­le figu­re tra­di­zio­na­li;
— la revi­sio­ne dei perio­di di pre­av­vi­so.

* * *

E’ isti­tui­ta una Com­mis­sio­ne pari­te­ti­ca con il com­pi­to di rive­de­re l’at­tua­le siste­ma di clas­si­fi­ca­zio­ne dei lavo­ra­to­ri alla luce del­le tra­sfor­ma­zio­ni del set­to­re, non­ché del­le nuo­ve dispo­si­zio­ni di leg­ge in mate­ria di mer­ca­to del lavo­ro e for­ma­zio­ne, anche con riguar­do ai nuo­vi pro­fi­li con­cer­nen­ti le impre­se di cal­ce­struz­zo, che dovrà ter­mi­na­re i pro­pri lavo­ri entro il 31 dicem­bre 2008