(Vedi accor­do di rin­no­vo in nota)

  1. In cia­scu­na cir­co­scri­zio­ne ter­ri­to­ria­le è isti­tui­ta la Cas­sa edi­le. Essa è lo stru­men­to per l’attuazione, per le mate­rie di cui appres­so, dei con­trat­ti e accor­di col­let­ti­vi sti­pu­la­ti fra l’ANCE, e la FENEAL-UIL la FILCA- CISL e la FILLEA-CGIL non­ché fra le Orga­niz­za­zio­ni ter­ri­to­ria­li ad esse rispet­ti­va­men­te ade­ren­ti.

I rife­ri­men­ti alle Cas­se edi­li con­te­nu­ti nel pre­sen­te con­trat­to riguar­da­no esclu­si­va­men­te le Cas­se edi­li costi­tui­te a nor­ma del com­ma pre­ce­den­te.

Even­tua­li pat­tui­zio­ni assun­te da una o più del­le Orga­niz­za­zio­ni pre­det­te, al di fuo­ri del­la con­trat­ta­zio­ne col­let­ti­va di cui al 1° com­ma, non deter­mi­na­no effet­ti nei con­fron­ti del­le Cas­se edi­li pre­vi­ste dal­la pre­sen­te  disci­pli­na.

L’organizzazione, le fun­zio­ni, le con­tri­bu­zio­ni e i ver­sa­men­ti alle Cas­se edi­li sono defi­ni­ti dai con­trat­ti e dagli accor­di nazio­na­li sti­pu­la­ti dal­le Asso­cia­zio­ni di cui al 1° com­ma e, nell’ambito di que­sti, dagli accor­di sti­pu­la­ti tra le Orga­niz­za­zio­ni ter­ri­to­ria­li ade­ren­ti a quel­le nazio­na­li di cui sopra.

Gli obbli­ghi di con­tri­bu­zio­ne e di ver­sa­men­to alle Cas­se edi­li sta­bi­li­ti per le impre­se e per i lavo­ra­to­ri dai  con­trat­ti e dagli accor­di di cui al pre­ce­den­te com­ma sono cor­re­la­ti­vi ed inscin­di­bi­li fra loro e per­tan­to non ne è ammes­so il par­zia­le adem­pi­men­to.

Le Orga­niz­za­zio­ni ter­ri­to­ria­li pre­det­te deter­mi­na­no la misu­ra del con­tri­bu­to entro un mas­si­mo del 3%, sugli ele­men­ti del­la retri­bu­zio­ne di cui al pun­to 3 dell’art. 24.

Il con­tri­bu­to può esse­re sta­bi­li­to in misu­ra supe­rio­re al 3% nel caso di spe­ci­fi­che esi­gen­ze finan­zia­rie di sin­go­le Cas­se edi­li accer­ta­te dal­la Com­mis­sio­ne nazio­na­le pari­te­ti­ca per le Cas­se edi­li (CNCE).

Il con­tri­bu­to com­ples­si­vo di cui sopra è ripar­ti­to per 5/6 a cari­co dei dato­ri di lavo­ro e per 1/6 a cari­co dei lavo­ra­to­ri.

La quo­ta di con­tri­bu­zio­ne a cari­co dell’operaio deve esse­re trat­te­nu­ta dal dato­re di lavo­ro sul­la retri­bu­zio­ne di ogni sin­go­lo perio­do di paga per il suc­ces­si­vo ver­sa­men­to alla Cas­sa edi­le.

  1. Con l’iscrizione alla Cas­sa edi­le i dato­ri di lavo­ro e gli ope­rai sono vin­co­la­ti al rispet­to del pre­sen­te con­trat­to col­let­ti­vo nazio­na­le di lavo­ro, degli accor­di loca­li adot­ta­ti a nor­ma del con­trat­to mede­si­mo non­ché del­lo Sta­tu­to e del rego­la­men­to del­la Cas­sa stes­sa, con l’impegno di osser­va­re inte­gral­men­te, anche in appli­ca­zio­ne di quan­to pre­vi­sto dall’art. 118, gli obbli­ghi ed one­ri deri­van­ti dai con­trat­ti, accor­di ed atti nor­ma­ti­vi mede­si­mi.

La Cas­sa edi­le rac­co­glie­rà, nel­le occa­sio­ni e con moda­li­tà sta­bi­li­te local­men­te dal­le Orga­niz­za­zio­ni di cui al 1° com­ma del­la lett. a), una dichia­ra­zio­ne scrit­ta rico­gni­ti­va dei pre­det­ti obbli­ghi.

b‑bis) Con l’iscrizione alla Cas­sa edi­le i lavo­ra­to­ri con­fe­ri­sco­no alla Cas­sa stes­sa il man­da­to ad agi­re per il recu­pe­ro del­le som­me a tito­lo di ver­sa­men­ti dovu­ti dall’impresa e non ver­sa­ti dan­do atto e con­ve­nen­do che la Cas­sa edi­le non è tenu­ta, per espli­ci­ta volon­tà del­le par­ti, ad effet­tua­re il paga­men­to per i sud­det­ti tito­li in man­can­za del rela­ti­vo ver­sa­men­to da par­te dell’azienda.

  1. Con l’iscrizione alla Cas­sa edi­le i lavo­ra­to­ri e le impre­se sono vin­co­la­ti al ver­sa­men­to del­le quo­te di ade­sio­ne con­trat­tua­le di cui ai com­mi seguen­ti.

Dal 1° otto­bre 2000 a cari­co dei dato­ri di lavo­ro e dei lavo­ra­to­ri è posta una quo­ta nazio­na­le di ade­sio­ne con­trat­tua­le in misu­ra pari allo 0,18% degli ele­men­ti del­la retri­bu­zio­ne di cui al pun­to 3 dell’art. 24, mag­gio­ra­ti del 18,5% e del 4,95%, per i dato­ri di lavo­ro ed in egual misu­ra a cari­co degli ope­rai.

L’importo del­la quo­ta nazio­na­le a cari­co degli ope­rai è trat­te­nu­to dal dato­re di lavo­ro sul­la retri­bu­zio­ne di ogni sin­go­lo perio­do di paga ed è ver­sa­to – uni­ta­men­te all’importo a pro­prio cari­co – alla Cas­sa edi­le con la perio­di­ci­tà e le altre moda­li­tà pre­vi­ste per il ver­sa­men­to del con­tri­bu­to di cui al 6° com­ma del­la lett. a) del pre­sen­te arti­co­lo. Il get­ti­to del­la quo­ta nazio­na­le di ade­sio­ne con­trat­tua­le riscos­so a cari­co dei dato­ri di lavo­ro sarà attri­bui­to all’ANCE; il get­ti­to del­la quo­ta nazio­na­le di ade­sio­ne con­trat­tua­le riscos­so a cari­co dei lavo­ra­to­ri sarà attri­bui­to alle Fede­ra­zio­ni nazio­na­li dei lavo­ra­to­ri.

La Cas­sa edi­le prov­ve­de­rà a rimet­te­re diret­ta­men­te alle Asso­cia­zio­ni nazio­na­li pre­det­te gli impor­ti di rispet­ti­va com­pe­ten­za.

In con­for­mi­tà a quan­to sta­bi­li­to per le quo­te nazio­na­li di ade­sio­ne con­trat­tua­le, le Orga­niz­za­zio­ni ter­ri­to­ria­li ade­ren­ti alle Asso­cia­zio­ni nazio­na­li di cui al 1° com­ma del­la lett. a) pos­so­no pre­ve­de­re l’istituzione di quo­te ter­ri­to­ria­li di ade­sio­ne con­trat­tua­le a cari­co, in misu­ra pari­te­ti­ca, dei dato­ri di lavo­ro e degli ope­rai.

L’importo del­la quo­ta a cari­co degli ope­rai è trat­te­nu­to dal dato­re di lavo­ro sul­la retri­bu­zio­ne di ogni sin­go­lo perio­do di paga ed è ver­sa­to, uni­ta­men­te all’importo a cari­co del dato­re di lavo­ro stes­so, alla Cas­sa edi­le secon­do le moda­li­tà e alle con­di­zio­ni da con­cor­dar­si local­men­te dal­le Orga­niz­za­zio­ni pre­det­te.

 Il get­ti­to del­la quo­ta ter­ri­to­ria­le di ade­sio­ne con­trat­tua­le riscos­so a cari­co dei dato­ri di lavo­ro sarà attri­bui­to alla Asso­cia­zio­ne ter­ri­to­ria­le ade­ren­te all’ANCE; il get­ti­to del­la quo­ta ter­ri­to­ria­le di ade­sio­ne con­trat­tua­le riscos­so a cari­co dei lavo­ra­to­ri sarà attri­bui­to alle Fede­ra­zio­ni ter­ri­to­ria­li dei lavo­ra­to­ri.

———-

N.d.R.: L’accordo 31 mar­zo 2011 pre­ve­de quan­to segue:

In attua­zio­ne di quan­to pre­vi­sto dall’art. 2, ulti­mo com­ma, del Pro­to­col­lo di inte­sa 18 dicem­bre 1998, dal pun­to 2 dell’accordo nazio­na­le 19 mag­gio 2000 e dall’art. 5 del Pro­to­col­lo di inte­sa sugli Enti bila­te­ra­li 16 novem­bre 2010, in base ai qua­li spet­ta alle Orga­niz­za­zio­ni nazio­na­li sot­to­scrit­te di prov­ve­de­re all’individuazione del­la base retri­bu­ti­va impo­ni­bi­le con­ven­zio­na­le per gli adem­pi­men­ti con­tri­bu­ti­vi nei con­fron­ti del­le Cas­se edi­li;

Si con­cor­da quan­to segue:

  1. le retri­bu­zio­ni con­ven­zio­na­li di cui al pre­sen­te accor­do rela­ti­ve ai livel­li di inqua­dra­men­to comu­ni a tut­ti i con­trat­ti nazio­na­li sot­to­scrit­ti dal­le par­ti fir­ma­ta­rie del pre­sen­te accor­do sono costi­tui­te dai mini­mi tabel­la­ri nazio­na­li, dall’indennità di con­tin­gen­za, dall’Elemento distin­to del­la retri­bu­zio­ne (E.d.r.), dall’indennità ter­ri­to­ria­le di set­to­re (ITS) e dall’Elemento eco­no­mi­co ter­ri­to­ria­le (E.E.T.);
  2. gli ele­men­ti retri­bu­ti­vi nazio­na­li sono sta­bi­li­ti, agli effet­ti di cui al pre­sen­te accor­do, negli impor­ti pre­vi­sti dal

c.c.n.l. che ripor­ta valo­ri retri­bu­ti­vi infe­rio­ri.

Le par­ti sot­to­scrit­te con­cor­da­no per­tan­to che, a decor­re­re dal 1° mar­zo 2011, gli ele­men­ti retri­bu­ti­vi nazio­na­li su cui com­mi­su­ra­re la con­tri­bu­zio­ne alle Cas­se edi­li sono quel­li con­te­nu­ti nel­la tabel­la alle­ga­ta al pre­sen­te accor­do.

Per con­tri­bu­zio­ne alla Cas­sa edi­le si inten­do­no tut­ti i con­tri­bu­ti per il fun­zio­na­men­to ed il finan­zia­men­to del­le pre­sta­zio­ni ero­ga­te dal­le Cas­se edi­li, fer­mo restan­do quan­to spe­ci­fi­ca­ta­men­te pre­vi­sto al suc­ces­si­vo pun­to 4;

  1. nel­le pro­vin­ce ove sono sta­ti sti­pu­la­ti dal­le Asso­cia­zio­ni ter­ri­to­ria­li ade­ren­ti a quel­le nazio­na­li sot­to­scrit­te sia il con­trat­to ter­ri­to­ria­le inte­gra­ti­vo del c.c.n.l. sti­pu­la­to tra l’ANCE e i Sin­da­ca­ti nazio­na­li sot­to­scrit­ti sia il con­trat­to ter­ri­to­ria­le inte­gra­ti­vo del c.c.n.l. sti­pu­la­to tra le Orga­niz­za­zio­ni arti­gia­ne sot­to­scrit­te e i Sin­da­ca­ti nazio­na­li sot­to­scrit­ti sia il con­trat­to ter­ri­to­ria­le inte­gra­ti­vo del c.c.n.l. sti­pu­la­to tra le Asso­cia­zio­ni coo­pe­ra­ti­ve e i Sin­da­ca­ti nazio­na­li sot­to­scrit­ti, gli ele­men­ti retri­bu­ti­vi ter­ri­to­ria­li impo­ni­bi­li con­ven­zio­na­li da pren­de­re a rife­ri­men­to per il cal­co­lo dei con­tri­bu­ti dovu­ti alla Cas­sa edi­le saran­no deter­mi­na­ti dal­le pre­det­te Asso­cia­zio­ni ter­ri­to­ria­li con appo­si­to accor­do loca­le, secon­do i cri­te­ri di cui al 1° com­ma del pre­ce­den­te pun­to 2. Fino alla sti­pu­la del pre­det­to accor­do loca­le, gli ele­men­ti retri­bu­ti­vi ter­ri­to­ria­li impo­ni­bi­li con­ven­zio­na­li da pren­de­re a rife­ri­men­to per il cal­co­lo dei con­tri­bu­ti dovu­ti alla Cas­sa edi­le resta­no quel­li in vigo­re nel­la Cas­sa mede­si­ma;
  2. nel­le pro­vin­ce in cui è sti­pu­la­to esclu­si­va­men­te il con­trat­to inte­gra­ti­vo del c.c.n.l. sot­to­scrit­to dall’ANCE e dai Sin­da­ca­ti nazio­na­li sot­to­scrit­ti, gli ele­men­ti retri­bu­ti­vi ter­ri­to­ria­li impo­ni­bi­li con­ven­zio­na­li da pren­de­re a rife­ri­men­to per il cal­co­lo dei con­tri­bu­ti dovu­ti alla Cas­sa edi­le e per gli accan­to­na­men­ti a tito­lo di ferie e di gra­ti­fi­ca nata­li­zia sono quel­li sta­bi­li­ti dal con­trat­to ter­ri­to­ria­le inte­gra­ti­vo del c.c.n.l. sti­pu­la­to dall’ANCE e dai Sin­da­ca­ti nazio­na­li sot­to­scrit­ti;
  3. le retri­bu­zio­ni impo­ni­bi­li con­ven­zio­na­li, come sopra deter­mi­na­te, resta­no in vigo­re fino alla deter­mi­na­zio­ne di nuo­vi valo­ri con­ven­zio­na­li che saran­no sta­bi­li­ti alle rela­ti­ve sca­den­ze con­trat­tua­li con accor­do nazio­na­le per gli ele­men­ti retri­bu­ti­vi nazio­na­li o con accor­do ter­ri­to­ria­le per gli ele­men­ti retri­bu­ti­vi ter­ri­to­ria­li;
  4. i valo­ri con­ven­zio­na­li val­go­no per tut­te le Cas­se edi­li costi­tui­te in attua­zio­ne dei con­trat­ti col­let­ti­vi nazio­na­li di lavo­ro sti­pu­la­ti dal­le par­ti sot­to­scrit­te.

I valo­ri con­ven­zio­na­li sono comu­ni­ca­ti dal­le Orga­niz­za­zio­ni nazio­na­li sot­to­scrit­te alla Com­mis­sio­ne nazio­na­le pari­te­ti­ca per le Cas­se edi­li;

  1. i valo­ri con­ven­zio­na­li sta­bi­li­ti con accor­do ter­ri­to­ria­le sono comu­ni­ca­ti alle rispet­ti­ve Orga­niz­za­zio­ni nazio­na­li sot­to­scrit­te ed alla Com­mis­sio­ne nazio­na­le pari­te­ti­ca per le Cas­se edi­li.

Tabel­la – Ele­men­ti retri­bu­ti­vi nazio­na­li (valo­ri ora­ri)

Ope­raiTota­le
a) Ope­rai di pro­du­zio­ne Ope­ra­io di 4° livel­lo9,29
Ope­ra­io spe­cia­liz­za­to8,84
Ope­ra­io qua­li­fi­ca­to8,18
Ope­ra­io comu­ne7,47