Le Orga­niz­za­zio­ni ter­ri­to­ria­li ade­ren­ti alle Asso­cia­zio­ni nazio­na­li con­traen­ti pos­so­no sta­bi­li­re la facol­tà degli ope­rai di cede­re alle Orga­niz­za­zio­ni sin­da­ca­li dei lavo­ra­to­ri, median­te dele­ghe, secon­do le moda­li­tà di cui all’accordo nazio­na­le 25 luglio 1996 alle­ga­to al pre­sen­te con­trat­to, un impor­to da pre­le­var­si sugli accan­to­na­men­ti effet­tua­ti a favo­re degli ope­rai mede­si­mi pres­so le Cas­se edi­li.

Le Orga­niz­za­zio­ni ter­ri­to­ria­li pos­so­no adot­ta­re il siste­ma pre­vi­sto dal pre­sen­te arti­co­lo anche assie­me a quel­lo di cui al 6° com­ma dell’art. 36, lett. c): i pre­det­ti siste­mi non sono cumu­la­bi­li con qual­sia­si altro siste­ma non pre­vi­sto dal pre­sen­te con­trat­to.

L’ANCE e le Orga­niz­za­zio­ni ter­ri­to­ria­li ad essa ade­ren­ti pos­so­no, median­te appo­si­ta con­ven­zio­ne con la Cas­sa edi­le, riscuo­te­re per il tra­mi­te del­la Cas­sa mede­si­ma i con­tri­bu­ti asso­cia­ti­vi dovu­ti dal­le impre­se ade­ren­ti.