Nel mese di ago­sto e set­tem­bre agli ope­rai ver­rà di nor­ma con­ces­so di gode­re di un perio­do di ferie col­let­ti­ve di due set­ti­ma­ne.

Il godi­men­to di una ter­za set­ti­ma­na di ferie col­let­ti­ve avver­rà di nor­ma nel perio­do del­le festi­vi­tà nata­li­zie e di fine anno.

Le ferie resi­due spet­tan­ti al sin­go­lo ope­ra­io saran­no godu­te, in perio­di diver­si, su richie­sta di quest’ultimo da avan­za­re con un pre­av­vi­so di alme­no qua­ran­tot­to ore e con­cor­da­te tra il dato­re di lavo­ro e lavo­ra­to­re.

In caso di ferie per azien­da, per can­tie­re o per squa­dra, l’operaio che non ha matu­ra­to un anno di anzia­ni­tà pres­so l’impresa è dispen­sa­to dal pre­sta­re atti­vi­tà lavo­ra­ti­va per l’intero perio­do di godi­men­to del­le ferie col­let­ti­ve, fer­mo restan­do che per il trat­ta­men­to eco­no­mi­co per ferie val­go­no le nor­me di cui al con­trat­to nazio­na­le.

Ai lavo­ra­to­ri è ero­ga­to, entro il 31 luglio di ogni anno, dal­la Cas­sa Edi­le, l’importo sin­go­lar­men­te accan­to­na­to alla Cas­sa stes­sa a tito­lo di ferie e gra­ti­fi­ca nata­li­zia, nei pri­mi sei mesi dell’esercizio finan­zia­rio (otto­bre – mar­zo).

Entro il 10 dicem­bre, la Cas­sa Edi­le prov­ve­de a liqui­da­re a tut­ti gli ope­rai iscrit­ti il resi­duo dell’importo sin­go­lar­men­te accan­to­na­to a tito­lo di gra­ti­fi­ca nata­li­zia e ferie, nel perio­do 1° apri­le – 30 set­tem­bre di ogni anno.