I requisiti del lavoratore

Il lavo­ra­to­re deve al momen­to dell’evento:

  • Aver matu­ra­to nel trien­nio pre­ce­den­te alme­no 1.000 ore, cal­co­la­te secon­do i cri­te­ri pre­vi­sti dal rego­la­men­to dell’Anzianità Pro­fes­sio­na­le Edi­le (A.P.E).
  • Esse­re iscrit­to alla Cas­sa Edi­le di Savo­na

L’importo della prestazione

L’importo vie­ne deter­mi­na­to pro­por­zio­nal­men­te alle ore di lavo­ro ordi­na­rio effet­tua­te nel trien­nio pre­ce­den­te l’evento sul­la base dei seguen­ti para­me­tri di rife­ri­men­to:

  • L’importo mas­si­mo, pari a  €.1.000,00, vie­ne ero­ga­to al lavo­ra­to­re che, nel trien­nio pre­ce­den­te l’evento, ha matu­ra­to alme­no 3.000 ore pres­so la sola Cas­sa Edi­le di Savo­na cal­co­la­te secon­do i cri­te­ri pre­vi­sti dal Rego­la­men­to dell’Anzianità Pro­fes­sio­na­le Edi­le (A.P.E).
  • L’importo mini­mo, pari a €.330,00, vie­ne ero­ga­to nel caso in cui il lavo­ra­to­re ha i requi­si­ti mini­mi per otte­ne­re la pre­sta­zio­ne.

Come ottenere la prestazione

Il lavo­ra­to­re deve pre­sen­ta­re doman­da (model­lo CE 003 op.) cor­re­da­ta del cer­ti­fi­ca­to di matri­mo­nio.

Nel caso in cui il matri­mo­nio sia sta­to cele­bra­to all’estero occor­re pro­dur­re la tra­du­zio­ne del cer­ti­fi­ca­to effet­tua­ta e tim­bra­ta dall’Ambasciata o Con­so­la­to.

La scadenza

La doman­da deve esse­re pre­sen­ta­ta entro 90 gior­ni decor­ren­ti dal­la data di cele­bra­zio­ne del matri­mo­nio.

La modulistica