La prestazione

Pre­mes­so che i pri­mi tre gior­ni di malat­tia, chia­ma­ti “perio­do di caren­za” non sono inden­niz­za­ti dal­l’INPS e che sono retri­bui­ti dal dato­re di lavo­ro solo in par­te, La Cas­sa Edi­le inter­vie­ne in favo­re del lavo­ra­to­re nel­le moda­li­tà appres­so indi­ca­te

L’importo della prestazione

La pre­sta­zio­ne è pari a:

  • per le malat­tie non supe­rio­ri a 6 gior­ni                    €. 60,00  net­te
  • per le malat­tie di dura­ta di 1 solo gior­no                  €. 30,00  net­te

I requisiti dei lavoratori

La pre­sta­zio­ne com­pe­te ai lavo­ra­to­ri che abbia­mo matu­ra­to alla data di ini­zio dell’evento di malat­tia:

  • 800 ore nei 12 mesi pre­ce­den­ti

(oppu­re)

  • 400 ore nei 6 mesi pre­ce­den­ti

cal­co­la­te secon­do i cri­te­ri pre­vi­sti dal Rego­la­men­to dell’Anzianità Pro­fes­sio­na­le Edi­le (A.P.E.)

Come ottenere la prestazione

Il Lavo­ra­to­re deve pre­sen­ta­re doman­da (model­lo C.E. 008 op.) cor­re­da­ta da copia del cer­ti­fi­ca­to medi­co.

La scadenza

La doman­da deve esse­re pre­sen­ta­ta entro 6 mesi decor­ren­ti dal­la data di ini­zio dell’evento.