Significato dei messaggi del gestore

Se nel­la casel­la PEC vie­ne reca­pi­ta­ta un’email con ogget­to che ini­zia con la dici­tu­ra ANOMALIA MESSAGGIO:”, vuol dire che il mit­ten­te ha spe­di­to l’email da un account non PEC (email tra­di­zio­na­le). L’email deve esse­re con­si­de­ra­ta come una qual­sia­si altra email rice­vu­ta sugli account non PEC.

Se dopo la spe­di­zio­ne di un mes­sag­gio PEC, inve­ce di rice­ve­re una rice­vu­ta con ogget­toACCETTAZIONE:”, si rice­ve una rice­vu­ta con ogget­to AVVISO DI NON ACCETTAZIONE:”vuol dire che il mes­sag­gio non è sta­to invia­to. Il moti­vo del man­ca­to invio è con­te­nu­to all’interno dell’email stes­sa.

Ricezione messaggio

Un mes­sag­gio invia­to per PEC arri­va all’utente desti­na­ta­rio come alle­ga­to di un altro mes­sag­gio che ha come mit­ten­te la dici­tu­ra “Per con­to di: mit­ten­te” e come ogget­to la dici­tu­ra “POSTA CERTIFICATA: ogget­to”.

Ad es. se un uten­te ha invia­to un mes­sag­gio PEC con ogget­to “pro­va”, il desti­na­ta­rio rice­ve­rà un mes­sag­gio ana­lo­go al seguen­te:

OPERAI title=OPERAI

OPERAI

Come si può vede­re nel­la figu­ra, il mes­sag­gio ha come mit­ten­te la dici­tu­ra “per con­to di: ” (1) segui­ta dall’indirizzo del mit­ten­te e come ogget­to la dici­tu­ra “POSTA CERTIFICATA: ” (2) segui­ta dall’oggetto ori­gi­na­le del mes­sag­gio.
In alle­ga­to (3) c’è il mes­sag­gio ori­gi­na­le. Apren­do l’allegato si può visua­liz­za­re l’email ori­gi­na­le.
Quin­di:
Un mes­sag­gio invia­to per PEC arri­va al desti­na­ta­rio come alle­ga­to di un altro mes­sag­gio. Per visua­liz­za­re il mes­sag­gio ori­gi­na­le è neces­sa­rio apri­re l’allegato.
Come si può vede­re nel­la figu­ra, il mes­sag­gio ha come mit­ten­te la dici­tu­ra “per con­to di: ” (1) segui­ta dall’indirizzo del mit­ten­te e come ogget­to la dici­tu­ra “POSTA CERTIFICATA: ” (2) segui­ta dall’oggetto ori­gi­na­le del mes­sag­gio.
In alle­ga­to (3) c’è il mes­sag­gio ori­gi­na­le. Apren­do l’allegato si può visua­liz­za­re l’email ori­gi­na­le.

Quin­di:
Un mes­sag­gio invia­to per PEC arri­va al desti­na­ta­rio come alle­ga­to di un altro mes­sag­gio. Per visua­liz­za­re il mes­sag­gio ori­gi­na­le è neces­sa­rio apri­re l’allegato.

Invio messaggio

L’invio di un mes­sag­gio PEC avvie­ne con moda­li­tà iden­ti­che a quel­le rela­ti­ve all’invio di un mes­sag­gio email tra­di­zio­na­le.

Dopo l’invio, però, si rice­ve­ran­no una o due email dai for­ni­to­ri del­la PEC del mit­ten­te e del desti­na­ta­rio con ogget­to “ACCETTAZIONE: ogget­to” e “CONSEGNA: ogget­to”, come nel­la figu­ra seguen­te:

OPERAI title=OPERAI

OPERAI

Que­ste due email si chia­ma­no “rice­vu­te”. La rice­vu­ta di con­se­gna (il mes­sag­gio con ogget­to “CONSEGNA:oggetto”) è la pro­va lega­le del­la rice­zio­ne dell’email da par­te del desti­na­ta­rio e deve esse­re con­ser­va­ta.

Se non si rice­ve il mes­sag­gio con la rice­vu­ta di con­se­gna, il mes­sag­gio PEC deve esse­re con­si­de­ra­to da un pun­to di vista lega­le come non reca­pi­ta­to al desti­na­ta­rio.

Quin­di:
Quan­do si invia un mes­sag­gio per PEC si devo­no rice­ve­re due email da par­te dei for­ni­to­ri di PEC del mit­ten­te e del desti­na­ta­rio, con­te­nen­ti le rice­vu­te di accet­ta­zio­ne e con­se­gna. Se non si rice­ve la rice­vu­ta di con­se­gna, la comu­ni­ca­zio­ne non ha valo­re lega­le.