Versamenti

I versamenti mensili

L’adempimento

Le impre­se iscrit­te alla Cas­sa Edi­le sono tenu­te a ver­sa­re i con­tri­bu­ti nel­la misu­ra sot­to indi­ca­ta sta­bi­li­ta dal Con­trat­to del Lavo­ro pro­vin­cia­le vigen­te e dagli even­ti suc­ces­si­vi Accor­di sin­da­ca­li in rela­zio­ne ai lavo­ra­to­ri pro­pri dipen­den­ti iscrit­ti pres­so l’Ente.


Come effettuare i versamenti

Di nor­ma il paga­men­to va effet­tua­to attra­ver­so il bol­let­ti­no frec­cia, cioè attra­ver­so un modu­lo che vie­ne pre­com­pi­la­to dal siste­ma MUT in occa­sio­ne del­le denun­ce tele­ma­ti­che men­si­li. È pos­si­bi­le stam­pa­re imme­dia­ta­men­te il bol­let­ti­no e/o sal­var­ne una copia in for­ma­to pdf. Il bol­let­ti­no per­met­te di effet­tua­re il paga­men­to pres­so tut­ti gli spor­tel­li ban­ca­ri di qual­sia­si qual­sia­si ban­ca.

E’ altre­si pos­si­bi­le effet­tua­re il paga­men­to attra­ver­so boni­fi­co ban­ca­rio da effet­tuar­si sul con­to cor­ren­te ban­ca­rio dedi­ca­to del­la Cas­sa Edi­le (Cas­sa di Rispar­mio di Savo­na – BAN IT27X0617510610000000700080).

Va pre­ci­sa­to che le par­ti Socia­li han­no inte­so disin­cen­ti­va­re tale moda­li­tà di accre­di­to che risul­ta infat­ti pas­si­bi­le dell’applicazione di un con­tri­bu­to aggiun­ti­vo (vedi sche­da con­tri­bu­ti)


La scadenza

Il ver­sa­men­to dei con­tri­bu­ti e degli accan­to­na­men­ti va effet­tua­to median­te bol­let­ti­no frec­cia con valu­ta fis­sa per il bene­fi­cia­rio a favo­re del­la Cas­sa Edi­le del­la Pro­vin­cia di Savo­na pres­so la ban­ca con­ven­zio­na­ta (attual­men­te Cas­sa di Rispar­mio di Savo­na) entro la fine del mese suc­ces­si­vo a quel­la del perio­do di paga.

La sca­den­za, se caden­te di saba­to o in gior­ni festi­vi, si inten­de auto­ma­ti­ca­men­te pro­ro­ga­ta al pri­mo gior­no lavo­ra­ti­vo imme­dia­ta­men­te suc­ces­si­vo.

Il ter­mi­ne di ver­sa­men­to dei con­tri­bu­ti e dell’accantonamento fa rife­ri­men­to, con­giun­ta­men­te alla data di ope­ra­zio­ne ban­ca­ria e alla data di valu­ta rico­no­sciu­te a favo­re del­la Cas­sa Edi­le.

esem­pio:

ver­sa­men­to del perio­do con­tri­bu­ti­vo del mese di ago­sto 2014: si con­si­de­ra effet­tua­to nei ter­mi­ni con­trat­tua­li se risul­ta effet­tua­to alla Cas­sa Edi­le con data valu­ta per il bene­fi­cia­rio (Cas­sa Edi­le) entro e non oltre il 30 set­tem­bre 2014 e data ope­ra­zio­ne ban­ca­ria risul­tan­te sul con­to cor­ren­te del­la Cas­sa Edi­le entro e non oltre il 30 set­tem­bre 2014.


Conseguenza dell’eventuale inadempimento

Nel caso in cui anche una sola una due date  (ope­ra­zio­ne e valu­ta) rela­ti­ve ai ver­sa­men­ti  risul­ti­no oltre i ter­mi­ni pre­vi­sti dal­le vigen­ti dispo­si­zio­ni con­trat­tua­li e/o deli­be­ra­te dal­la Cas­sa Edi­le l’Impresa dovrà ver­sa­re un con­tri­bu­to aggiun­ti­vo pari all’interesse lega­le – su base annua- aumen­ta­to di 7 pun­ti.

Le Impre­se che non effet­tua­no il ver­sa­men­to inte­gra­le dell’accantonamento e dei con­tri­bu­ti alle sca­den­ze con­trat­tua­li sono con­si­de­ra­te a tut­ti gli effet­ti ina­dem­pien­ti.

Il man­ca­to rispet­to, anche di uno solo dei requi­si­ti, è moti­vo di per­di­ta del dirit­to di usu­frui­re del­la “nor­ma pre­mia­le”.