Addì, 10 set­tem­bre 2020, in Roma

REGOLAMENTO FONDO INCENTIVO OCCUPAZIONE

Art. 1) Costituzione e Regolamento

  1. In attua­zio­ne di quan­to pre­vi­sto dall’Allegato 4, del Ccnl Ance-Coop-OO.SS. del 18 luglio 2018, dall’Allegato “P” del Ccnl OO.AA-OO.SS. del 30 gen­na­io 2020 e dal ver­ba­le di accor­do fra Con­fa­pi Aniem- OO.SS del 12 mar­zo a par­ti­re dal 1‘ otto­bre 2018, per la Cas­sa Edi­le e dal 1 gen­na­io 2019 per le Edil­cas­se, è isti­tui­to, al livel­lo ter­ri­to­ria­le, il ”Fon­do incen­ti­vo all’oc­cu­pa­zio­ne”, ali­men­ta­to da un con­tri­bu­to a cari­co dei dato­ri di lavo­ro del­lo 0,10% del­la retri­bu­zio­ne impo­ni­bi­le, ai sen­si di quan­to sot­to­scrit­to nei sopra­ci­ta­ti accor­di fra le rispet­ti­ve par­ti dato­ria­li e le OO.SS.
  1. II fon­do entra in vigo­re il 1′ set­tem­bre 2020.

Art. 2) Caratteristiche della prestazione

  1. Il dato­re di lavo­ro, indi­pen­den­te­men­te dal nume­ro degli ope­rai occu­pa­ti, potrà richie­de­re alla Cas­sa Edile\Edilcassa pres­so cui è iscrit­to il lavo­ra­to­re al momen­to dell‘assunzione, un incen­ti­vo rico­no­sciu­to sot­to for­ma di com­pen­sa­zio­ne sui con­tri­bu­ti dovu­ti alla mede­si­ma Cas­sa Edile/Edilcassa, al fine di incen­ti­va­re l’occupazione gio­va­ni­le e favo­ri­re il ricam­bio gene­ra­zio­na­le. Tale incen­ti­vo sara cosi strutturato:
    1. 600 euro rico­no­sciu­to sot­to for­ma di com­pen­sa­zio­ne sui con­tri­bu­ti dovu­ti alla Cas­sa Edile/Edilcassa com­pe­ten­te pres­so cui è iscrit­to il lavo­ra­to­re e pre­via dichia­ra­zio­ne di impe­gno allo svol­gi­men­to, esclu­si­va­men­te pres­so gli Enti bila­te­ra­li del set­to­re, del­le 16 are di for­ma­zio­ne di ingres­so con­trat­tual­men­te pre­vi­sta, lad­do­ve non già effettuate.
    2. Fer­mo restan­do il sud­det­to incen­ti­vo, la Cas­sa EdiIe/Ediicassa rico­no­sce­rà anche un vou­cher for­ma­zio­ne di euro 150 da spen­de­re, pres­so le Scuo­le Edi­li del siste­ma, entro 180 gior­ni dal­l’as­sun­zio­ne, ad esclu­sio­ne del­le assun­zio­ni con con­trat­to di appren­di­sta­to pro­fes­sio­na­liz­zan­te, per un cor­so di for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le (bonus formazione).
    3. L’impresa potrà sce­glie­re tra i cor­si e le atti­vi­tà for­ma­ti­ve già in pro­gram­ma nel­la Scuo­la Edi­le di rife­ri­men­to o, in assen­za, tra i cor­si e le atti­vi­tà for­ma­ti­ve in esse­re nel­le Scuo­le Edi­li del­la Regio­ne di appartenenza.
    4. Lad­do­ve l’im­pre­sa non tro­vas­se un cor­so di for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le che rispon­da alle sue esi­gen­ze, il valo­re del vou­cher di 150 euro sara rico­no­sciu­to, anche pre­via pre­sen­ta­zio­ne del­l’at­te­sta­to di for­ma­zio­ne effet­tua­to pres­so altra strut­tu­ra con­ven­zio­na­ta con le Scuo­le Edi­li e accre­di­ta­ta pres­so la Regio­ne di com­pe­ten­za, entro 180 gior­ni dal­la pre­sen­ta­zio­ne del­la documentazione.
    5. Le even­tua­li risor­se non uti­liz­za­te per il vou­cher for­ma­ti­vo, non­ché gli even­tua­li resi­dui del­le som­me desti­na­te all’in­cen­ti­vo dei 600 euro saran­no uti­liz­za­te secon­do le deter­mi­na­zio­ni del­le par­ti socia­li ter­ri­to­ria­li che, con appo­si­ti accor­di, potran­no anche pre­ve­de­re che det­te ecce­den­ze sia­no fina­liz­za­te ad appo­si­te ini­zia­ti­ve ter­ri­to­ria­li che abbia­no le stes­se fina­li­tà o sia­no desti­na­te a spe­cifi­che cam­pa­gne pro­mo­zio­na­li fina­liz­za­te ad attrar­re i gio­va­ni nel settore.
  2. L’in­cen­ti­vo sara rico­no­sciu­to qua­le una tan­tum per ogni lavo­ra­to­re e ver­rà com­pen­sa­to dal­la Cas­sa Edile\Edilcassa ter­ri­to­ria­le, nel limi­te del­le risor­se a dispo­si­zio­ne del “Fon­do incen­ti­vo all’oc­cu­pa­zio­ne”,
    costi­tui­to pres­so cia­scu­na Cas­sa Edile\Edilcassa, secon­do le suc­ces­si­ve regole.
  3. Tale incen­ti­vo sarà cumu­la­bi­le con altri incen­ti­vi pre­vi­sti dal­le nor­ma­ti­ve vigen­ti e sara subor­di­na­te, nel­l’i­po­te­si di pri­ma assun­zio­ne nel set­to­re, anche con appren­di­sta­to pro­fes­sio­na­liz­zan­te, all’ef­fet­tua­zio­ne del­la for­ma­zio­ne del­le 16 ore pre­vi­sta dal contratto.

Art. 3 — Requisiti e criteri per l’accesso alla prestazione

  1. L’incentivo si appli­ca per le assun­zio­ni con con­trat­to di lavo­ro subor­di­na­to a tem­po pie­no e inde­ter­mi­na­to, anche in appren­di­sta­to pro­fes­sio­na­liz­zan­te, non­ché nel­le ipo­te­si di tra­sfor­ma­zio­ne di con­trat­ti a tem­po deter­mi­na­to, effet­tua­te dal 1′ gen­na­io 2020.
  2. L’in­cen­ti­vo sara rico­no­sciu­to per i lavo­ra­to­ri che, al memen­to dell’assunzione e del­la tra­sfor­ma­zio­ne, non abbia­no com­piu­to 30 anni (29 anni e 364 giorni).
  3. Il dato­re di lavo­ro inte­res­sa­to dovrà risul­ta­re, sia al memen­to del­la richie­sta che al momen­to del­la com­pen­sa­zio­ne, in rego­la con i ver­sa­men­ti nei con­fron­ti di tut­te le Cas­se Edili\Edilcasse alle qua­li risul­ti iscrit­to, anche con even­tua­le rateiz­za­zio­ne dei ver­sa­men­ti matu­ra­ti e sca­du­ti al memen­to dell’assunzione.
  4. A tal fine, la Cas­sa Edile\Edilcassa con­ce­den­te dovrà richie­de­re alla CNCE la veri­fi­ca, tra­mi­te il siste­ma BNI, del­la situa­zio­ne di rego­la­ri­tà del­le sin­go­le impre­se. Per l’avvio del fen­do si pren­de­ran­no, come det­to, in con­si­de­ra­zio­ne le assun­zio­ni for­ma­liz­za­te dal 1‘ gen­na­io 2020.
  5. Ai fini del rico­no­sci­men­to dell’incentivo saran­no pri­vi­le­gia­te le impre­se con mag­gio­re anzia­ni­tà di iscri­zio­ne pres­so la Cas­sa Edile\Edilcassa a cui è inol­tra­ta la richie­sta e dove risul­ta iscrit­to il lavoratore.
  6. La prio­ri­tà per l’accesso alla pre­mia­li­tà sara deter­mi­na­ta sul­la base dei cri­te­ri del­l’al­le­ga­ta tabel­la che for­ma par­te inte­gran­te del pre­sen­te Rego­la­men­to. A pari­tà di con­di­zio­ni, saran­no pri­vi­le­gia­ti i dato­ri di lavo­ro secon­do l’or­di­ne cro­no­lo­gi­co rife­ri­to alla data di pre­sen­ta­zio­ne del­la deman­da come da fac-simi­le allegato.
  7. L’incentivo spet­ta ai dato­ri di lavo­ro che, nei 6 mesi pre­ce­den­ti I’assunzione, non abbia­no pro­ce­du­to a licen­zia­men­ti indi­vi­dua­li o col­let­ti­vi per giu­stifi­ca­to moti­vo ogget­ti­vo di ope­rai occu­pa­ti nel­la mede­si­ma uni­tà pro­dut­ti­va con il mede­si­mo livel­lo con­trat­tua­le e con mede­si­me mansioni.
  8. Il licen­zia­men­to per giu­stifi­ca­to moti­vo ogget­ti­vo dell’operaio assun­to e di un altro ope­ra­io occu­pa­to nel­la mede­si­ma uni­tà pro­dut­ti­va con il mede­si­me livel­lo con­trat­tua­le e con mede­si­me man­sio­ni, effet­tua­to nei 6 mesi suc­ces­si­vi, com­por­ta il man­ca­to rico­no­sci­men­to dell’incentivo o la sua revo­ca, se già com­pen­sa­to, fat­ta ecce­zio­ne per le ipo­te­si di lavo­ra­to­ri che abbia­no acces­so al pen­sio­na­men­to o pre­pen­sio­na­men­to nell’arco dei 24 mesi.
  9. Fer­mo restan­do il rispet­to dei requi­si­ti pre­vi­sti ai com­mi pre­ce­den­ti e nel limi­te del­le risor­se a dispo­si­zio­ne pres­so cia­scun fen­do, all’im­pre­sa potrà esse­re rico­no­sciu­to l’incentivo per un nume­ro di assun­zio­ni e/e tra­sfor­ma­zio­ni non supe­rio­ri al 30% del­la media dei lavo­ra­to­ri a tem­po inde­ter­mi­na­to in for­za nel pre­ce­den­te anno Cas­sa Edile\Edilcassa, con arro­ton­da­men­to all’u­ni­tà supe­rio­re nel caso di pre­sen­za di deci­ma­li. Fer­mo restan­do il rispet­to dei requi­si­ti sud­det­ti, all’im­pre­sa potrà esse­re rico­no­sciu­to l’incentivo per l’as­sun­zio­ne e/o tra­sfor­ma­zio­ne di alme­no 1 lavo­ra­to­re, indi­pen­den­te­men­te dal nume­ro dei lavo­ra­to­ri occupati.
  10. Rela­ti­va­men­te alle impre­se che abbia­no uti­liz­za­to l’incentivo per un nume­ro di lavo­ra­to­ri cor­ri­spon­den­te ai limi­ti mas­si­mi indi­ca­ti al pun­to pre­ce­den­te, un’ulteriore richie­sta pres­so la stes­sa Cas­sa Edile\Edilcassa potrà esse­re pre­sen­ta­ta sola­men­te decor­si 12 mesi dal­l’ul­ti­ma compensazione.
  11. L’in­cen­ti­vo sara rico­no­sciu­to una sola vol­ta nel caso di assun­zio­ne del­lo stes­so lavo­ra­to­re da par­te del mede­si­mo dato­re di lavoro.

ART. 4 — Erogazione della prestazione e decorrenza

  1. L’in­cen­ti­vo sara rico­no­sciu­to, dal­la Cas­sa Edile\Edilcassa com­pe­ten­te, a segui­to di appo­si­ta richie­sta da effet­tuar­si, tra­mi­te PEC a pena di nul­li­tà, entro 30 gior­ni dal­la data di assunzione.
  2. Per tut­te le assun­zio­ni o tra­sfor­ma­zio­ni a tem­po inde­ter­mi­na­to effet­tua­te dal 1′ gen­na­io 2020 al 30 set­tem­bre 2020, le istan­ze dovran­no esse­re pre­sen­ta­te entro il 30 set­tem­bre. Entro il 31 otto­bre saran­no effet­tua­te le gra­dua­to­rie e sara tra­smes­sa con­te­stua­le comu­ni­ca­zio­ne alle imprese.
  3. Per tut­te le doman­de pre­sen­ta­te nel pri­mo seme­stre Cas­sa Edile\Edilcassa (dal 1’ otto­bre al 31 mar­zo) le gra­dua­to­rie, con con­te­stua­le comu­ni­ca­zio­ne alle impre­se, saran­no effet­tua­te entro il 30 apri­le di cia­scun anno, men­tre per le doman­de pre­sen­ta­te nel secon­do seme­stre Cas­sa Edile\Edilcassa (dal 1′ apri­le al 30 set­tem­bre) le gra­dua­to­rie, con con­te­stua­le comu­ni­ca­zio­ne alle impre­se, saran­no effet­tua­te entro il 31 otto­bre di cia­scun anno.
  4. Le istan­ze non accol­te per inca­pien­za del fon­do saran­no rein­se­ri­te nel­la gra­dua­to­ria del seme­stre suc­ces­si­vo, sul­la base dei cri­te­ri dell’allegata tabel­la che for­ma par­te inte­gran­te del pre­sen­te Rego­la­men­to. A pari­tà di con­di­zio­ni, saran­no pri­vi­le­gia­ti i dato­ri di lavo­ro secon­do l’or­di­ne cro­no­lo­gi­co rife­ri­to alla data di pre­sen­ta­zio­ne del­la doman­da come da fac-simi­le allegato.
  5. La Cas­sa Edile\Edilcassa com­pe­ten­te, dopo aver valu­ta­to la sus­si­sten­za dei requi­si­ti del lavo­ra­to­re e del­l’im­pre­sa per l’accesso all’in­cen­ti­vo, prov­ve­de­rà a rico­no­sce­re la cor­ri­spon­den­te com­pen­sa­zio­ne all’im­pre­sa dal pri­mo mese uti­le dal­l’ac­co­gli­men­to dell’istanza.
  6. Le Cas­se Edili\Edilcasse sono tenu­te, una vol­ta veri­fi­ca­ti i requi­si­ti e appro­va­ta la richie­sta, ad accan­to­na­re nel pro­prio Fon­do ter­ri­to­ria­le la som­ma cor­ri­spon­den­te all’in­cen­ti­vo rico­no­sciu­to all’impresa.
  7. Le par­ti ter­ri­to­ria­li si riser­va­no di effet­tua­re un perio­do di spe­ri­men­ta­zio­ne, con moni­to­rag­gio dell‘andamento occu­pa­zio­na­le. Le Cas­se Edili\Edilcasse dovran­no effet­tua­re appo­si­ta ren­di­con­ta­zio­ne annua­le alla CNCE, anche al fine di non gene­ra­re riserve.

Cri­te­ri per deter­mi­na­re la gra­dua­to­ria del­le doman­de. Punteggi.

ISTRUZIONI:

  1. Al ter­mi­ne di ogni seme­stre edi­le, la Cas­sa Edile/Edilcassa, pri­ma di pro­ce­de­re alla com­pi­la­zio­ne del­la gra­dua­to­ria, prov­ve­de­rà a esclu­de­re le doman­de fat­te per­ve­ni­re da impre­se dive­nu­te irre­go­la­ri suc­ces­si­va­men­te alla loro pre­sen­ta­zio­ne e risul­tan­ti tali al momen­to dell’erogazione.
  2. La gra­dua­to­ria vie­ne gene­ra­ta sul­la base del pun­teg­gio deri­van­te dal­l’ap­pli­ca­zio­ne dei cri­te­ri di cui alla tabel­la (deci­ma­li com­pre­si), dal più alto al più bas­so, secon­do la seguen­te formula:

A + B — C + D

Deter­mi­na­to il nume­ro di pre­mia­li­tà asse­gna­bi­li sul­la base del­le risor­se dispo­ni­bi­li, la Cas­sa Edile/Edilcassa prov­ve­de­rà all’as­se­gna­men­to del­le pre­mia­li­tà alle sin­go­le doman­de, seguen­do l’ordine del­la graduatoria.

Qua­lo­ra le risor­se sia­no suf­fi­cien­ti a copri­re solo alcu­ne fra una plu­ra­li­tà di doman­de con mede­si­mo pun­teg­gio, per l’as­se­gna­zio­ne si farà rife­ri­men­to al cri­te­rio cro­no­lo­gi­co del­la data di rice­vi­men­to del­la domanda.