Festività – Art. 17 C.C.N.L.

Sono considerati giorni festivi:

  1. tutte le domeniche;
  2. i giorni di riposo compensativo di lavoro domenicale;
  3. le seguenti festività nazionali ed infrasettimanali:
  • 1° gennaio – Capodanno;
  • 6 gennaio – Epifania;
  • lunedì successivo alla Pasqua;
  • 25 aprile – Anniversario della liberazione;
  • 1° maggio – Festa del lavoro;
  • 2 giugno – Festa della Repubblica;
  • 15 agosto – Assunzione;
  • 1° novembre – Ognissanti;
  • 8 dicembre – Immacolata Concezione;
  • 25 dicembre – Santo Natale;
  • 26 dicembre – S. Stefano;
  • ricorrenza del Santo Patrono del luogo ove ha sede il cantiere o, in alternativa, ha sede l’impresa. Qualora la festività del Santo Patrono coincida con una delle festività infrasettimanali di cui al precedente elenco, sarà concordato dalle Organizzazioni territoriali un giorno sostitutivo.

Per le festività di cui al punto 3, il trattamento economico è corrisposto dall’impresa all’operaio nella misura di otto ore degli elementi della retribuzione di cui al punto 4 dell’art. 24.

Per gli addetti ai lavori discontinui o di semplice attesa o custodia, il trattamento economico per le festività è pari a 9,6 ore.

Il trattamento economico per le festività di cui al punto 3 è dovuto anche nel caso in cui tali festività coincidano con il sabato o la domenica.

Il trattamento economico per le festività di cui al punto 3 deve essere corrisposto per intero anche nel caso di sospensione del lavoro indipendente dalla volontà del lavoratore purché, nell’ipotesi di festività religiose, la sospensione non sia in atto da oltre due settimane.

Per la festività soppressa del 4 novembre, agli operai è corrisposto dall’impresa un trattamento economico nella misura di otto ore della retribuzione calcolata sugli elementi di cui al punto 4 dell’art. 24. Per gli addetti ai lavori discontinui sono corrisposte 9,6 ore di retribuzione.

X