Ferie – Art. 62 C.C.N.L.

Ultimo aggiornamento 18/01/2022

L’impiegato ha diritto, per ogni anno di servizio, ad un periodo di riposo feriale pari a quattro settimane di calendario escludendo dal computo i giorni festivi di cui al punto 3) dell’art. 61.

In caso di ferie frazionate, cinque giorni lavorativi fruiti come ferie equivalgono a una settimana, se l’orario normale settimanale è distribuito su cinque giorni; ove la distribuzione sia effettuata su sei giorni, sei giorni lavorativi fruiti come ferie equivalgono ad una settimana. Lo stesso criterio vale ai fini della corresponsione dell’indennità sostitutiva delle ferie eventualmente non godute.

Per il periodo di ferie devono essere corrisposti gli elementi di cui ai numeri dall’1 al 15 dell’art. 44.

In considerazione delle particolari caratteristiche dell’industria edilizia, l’impiegato ha diritto, trascorso il periodo di prova, a tanti dodicesimi di ferie quanti sono i mesi compiuti di servizio prestato. Il riposo feriale ha normalmente carattere continuativo. Nel fissare l’epoca del riposo feriale sarà tenuto conto da parte dell’impresa, compatibilmente con le esigenze di servizio, degli eventuali desideri dell’impiegato, anche per un eventuale frazionamento delle ferie medesime.

La risoluzione del rapporto per qualsiasi motivo non pregiudica il diritto alle ferie maturate.

L’assegnazione delle ferie non può aver luogo durante il periodo di preavviso.

Dato lo scopo igienico–sociale dell’istituto delle ferie, non è ammessa la rinuncia da parte dell’impiegato al godimento delle ferie.

Ove per cause dovute ad imprescindibili esigenze di lavoro dell’impresa, ed in via del tutto eccezionale, non sia possibile far godere all’impiegato la quinta settimana
di ferie, l’impresa è tenuta a versargli un’indennità equivalente al trattamento economico che sarebbe spettato all’impiegato se avesse goduto di tale periodo di ferie (v. comma 3). Tale indennità va corrisposta entro sei mesi successivi dalla data in cui l’impiegato ha maturato il diritto alle ferie, trascorsi i quali saranno dovuti all’impiegato gli interessi di mora nella misura prevista dal secondo comma dell’art. 60 con decorrenza dal primo giorno successivo allo scadere dei sei mesi.

Se l’impiegato viene richiamato in servizio durante il periodo di ferie, l’impresa è tenuta a rimborsargli le spese effettivamente sostenute, sia per il rientro in sede che per l’eventuale ritorno nella località dove godeva le ferie stesse. L’eventuale periodo di tempo necessario per rientrare in servizio non va computato come ferie.

Qualora per esigenze di servizio l’impiegato non possa godere delle ferie nel periodo già stabilito dall’impresa, egli ha diritto al rimborso dell’eventuale anticipo corrisposto per l’alloggio prenotato per il periodo di ferie, sempreché dia la precisa documentazione del versamento dell’anticipo stesso.

La malattia intervenuta nel corso del godimento delle ferie ne sospende la fruizione nelle seguenti ipotesi:

– malattia che comporta ricovero ospedaliero superiore a tre giorni;
– malattia la cui prognosi sia superiore a dieci giorni di calendario.

L’effetto sospensivo si determina a condizione che il dipendente assolva agli obblighi di comunicazione, di certificazione e di ogni altro adempimento necessario per l’espletamento della visita di controllo dello stato di infermità previsti dalle norme di legge e dalle disposizioni contrattuali.

Norma Transitoria
Agli impiegati che entro il 31 dicembre 1978 abbiano maturato presso la stessa impresa 14 anni di anzianità di servizio è riconosciuto il diritto ad una quinta settimana di ferie.

Anche al fine di favorire il rientro alle proprie residenze dei lavoratori migranti, salvo quanto previsto dalle parti sociali territoriali ai sensi dell’art. 38 del vigente c.c.n.l. e compatibilmente con le necessità tecnico–organizzative dell’azienda, è permesso ai lavoratori di usufruire di due delle quattro settimane di ferie nell’arco di 24 mesi successivi all’anno di riferimento. Resta fermo l’obbligo di usufruire di due settimane di ferie nel corso del suddetto anno.