Prestazione Vestiario – le risposte alle domande dei lavoratori

La natura e l’entità della merce distribuita viene stabilita da una apposita Commissione Tecnica che si riunisce per deliberare, anche in relazione alle disponibilità di bilancio, in occasione di ogni distribuzione.

I lavoratori che hanno i requisiti previsti dal Contratto integrativo provinciale.

La distribuzione avviene due volte l’anno.

I requisiti del lavoratore sono diversi per le due distribuzioni.

I requisiti sono:

  • iscrizione alla Cassa Edile di Savona nel mese di dicembre.
  • poter vantare almeno 800 ore versate nei 12 mesi precedenti (periodo gennaio/dicembre) o 400 ore versate nei 6 mesi precedenti (periodo luglio/dicembre).

I requisiti sono:

  • iscrizione alla Cassa Edile di Savona nel mese di giugno.
  • poter vantare almeno 800 ore versate nei 12 mesi precedenti (periodo luglio/giugno) o 400 ore versate nei 6 mesi precedenti (periodo gennaio/giugno).

Si precisa che non beneficiano della prestazione i lavoratori che hanno già ricevuto da altra  Cassa Edile la fornitura di indumenti e/o scarpe per lo stesso periodo di riferimento.

Il lavoratore deve farsi parte diligente di verificare che l’Impresa presso cui lavora provveda nei termini indicati dalla Cassa Edile, (congruo anticipo rispetto alla data di distribuzione):

  • conferimento del mandato di rappresentanza
  • aggiornamento dei dati relativi agli indumenti da distribuire (scelta dei capi e taglie)

Inoltre, deve ritirare presso la Impresa in cui lavora gli indumenti, consegnati alla stessa dalla azienda specializzata affidataria della fornitura.

Nel caso abbia cambiato di recente impresa, verificare che la fornitura non sia stata inviata alla ditta dove in precedenza lavorava.

I casi possibili sono:

  • la/e ditta/e ditta, dove il lavoratore ha prestato la propria attività, non sono in regola con il versamento dei contributi e, pertanto, le ore minime necessarie per beneficiare della prestazione non sono completamente versate.
  • La ditta, dove il lavoratore prestata la prestazione al momento della attivazione della procedura, non ha conferito il mandato con rappresentanza alla Cassa Edile.
  • La Cassa Edile non dispone delle taglie del lavoratore, perché queste non sono mai state comunicate, né dalla Impresa, né dal lavoratore.